Milano, gruppo di egiziani assegnava le case popolari: 5 arresti

alloggi alerLa Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque cittadini egiziani per associazione a delinquere finalizzata al reato di occupazione abusiva di alloggi destinati ad uso pubblico di proprietà dell’ALER.

La complessa attività investigativa condotta dagli agenti del Commissariato Bonola, che ha dapprima raccolto tutti gli elementi inerenti le occupazioni abusive avvenute negli anni 2015 e 2017 per poi proseguire con un’attività tecnica durante l’anno corrente, ha permesso di individuare un gruppo che cedeva a persone terze gli alloggi, occupati abusivamente, nel quartiere San Siro, in particolare nella zona di piazza Selinunte e vie limitrofe.

Dietro compenso di somme di denaro che mutavano a seconda di alcuni fattori, tra cui anche il culto religioso dei richiedenti, i 5 egiziani arrestati, di età dai 23 ai 36 anni, assegnavano illegalmente le abitazioni.

I poliziotti del Commissariato Bonola, durante l’attività investigativa, sono riusciti ad individuare grazie anche all’ausilio delle intercettazioni telefoniche, l’intera organizzazione criminale che gestiva il fenomeno dell’abusivismo, dalla domanda dei committenti di ricevere la disponibilità di un appartamento, sino alla consegna di quello disponibile. Tale sodalizio criminoso gestiva la quasi totalità delle occupazioni abusive di alloggi residenziali pubblici nel quartiere di San Siro.

Da una stima effettuata dall’ALER, le case occupate nel quartiere San Siro risulterebbero 872 alla data del 19 marzo 2017, la maggior parte delle quali riconducibili all’attività dell’organizzazione criminale.