Terremoto a Ischia, la procura ipotizza disastro e omicidio colposo

Crolli a Ischia (Ansa)
La Procura di Napoli sta valutando l’ipotesi di aprire un’inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo dopo il terremoto a Ischia che ha causato due vittime e diversi crolli. “Sono nel quadro ordinario delle valutazioni possibili in questo momento”‘ ha dichiarato Giovanni Melillo, capo della procura di Napoli, ai microfoni di ‘6 su Radio 1’. Melillo ha poi specificato che si tratta di un “quadro complesso e bisognoso di approfondimenti”.

Sul possibile legame tra il fenomeno dell’abusivismo edilizio e il crollo di alcuni edifici sull’isola, il capo della Procura di Napoli ha dichiarato: “Non sfuggono i costi sociali, che anche in queste occasioni si rivelano, di fenomeni gravi come quello dell’edilizia illegale e dell’abusivismo edilizio. All’abusivismo edilizio corrisponde una delle priorità del lavoro della procura della Repubblica di Napoli; un fenomeno che in Campania ha dimensioni straordinariamente gravi e come tale va affrontato”.

Infine sulla presenza di abusivismo di necessità nella zona di pertinenza della Procura di Napoli, Melillo ha concluso: “a dimensione di necessità è nettamente inferiore a quella speculativa e strettamente criminale del fenomeno dell’abusivismo edilizio”.

LA TESTIMONIANZA DI CIRO, IL RAGAZZINO EROE

“Il mio primo pensiero quando ho rivisto la luce è stato Dio. Allora davvero esiste, ho pensato”. Non ha più voce Ciro Marmolo, 11 anni, il “bambino eroe” dagli enormi occhioni neri, l’ultimo dei tre fratellini ad essere estratto vivo dalle macerie della palazzina crollata in seguito al terremoto che ha devastato Casamicciola sull’isola d’Ischia. Ai microfoni di TV Luna – che ha diffuso una sintesi delle sue dichiarazioni – Ciro si lascia andare a cuore aperto: “quando ho saputo che il più piccolo dei miei fratelli stava bene mi sono fatto coraggio e ho detto: ce la devo fare”. Ciro è ricoverato all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. Con lui, nella grande stanza colorata di giallo, arancione e verde ci sono la mamma Alessia, incinta al quinto mese di una bimba e i fratellini Pasquale 7 mesi e Matias 8 anni. Dal canto suo mamma Alessia guarda i suoi figli e dice: “ho capito che quella notte maledetta è intervenuta la mano di Dio a salvarci. Ho imparato ad apprezzare la vita”.