Concluso a Bari il G7 delle finanze. “Ue in ripresa moderata”

G7 Bari ministri finanze“La ripresa globale sta guadagnando terreno, tuttavia la crescita resta moderata e il Pil è ancora sotto il potenziale in molti Paesi”. Lo afferma il G7 economico-finanziario di Bari nel comunicato finale, nel quale ribadisce il proprio “impegno alla cooperazione economica e finanziaria rimanendo determinati a usare tutti i mezzi di politica monetaria, di bilancio e strutturale, individualmente e collettivamente, per raggiungere l’obiettivo di una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva”.

Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha annunciato il “Manifesto di Bari” per la crescita inclusiva. Il titolare del Tesoro ha spiegato che si tratta di “un primo punto fermo di policy di un percorso” che sarà portato avanti già con la prossima presidenza canadese. “E’ un documento che sintetizza uno sforzo di lavoro importante avvenuto in questi mesi” e pone le basi per “inquadrare e mettere a sistema tutti gli strumenti di policy affinché la crescita ci sia, coinvolga tutti e non lasci indietro nessuno”.

Al G7 sul fronte della web tax “si è preso atto che soluzioni condivise sono più efficaci, che quelle nazionali che hanno delle controindicazioni e possono avere conseguenze indesiderabili” e “bisogna fare progressi” sulla tassazione dell’economia digitale. Padoan ha ricordato che l’Ocse “è già stato incaricato di redigere rapporto sulle implicazioni dell’economia digitale che sarà pronto tra pochi mesi” e sarà “uno dei primi elementi che potranno tradursi in misure di policy”.

Dal G7 delle Finanze arriva “un mandato forte” per proseguire nel lavoro in ambito di cybersecurity. Tema che verrà discusso “anche al G7 di Taormina”, ha sottolineato Padoan. “Dopo ogni colloquio con Padoan mi sento meno preoccupato per l’Italia”, ha affermato il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble.

“L’espansione economica continua, si sta rafforzando, anche se viene considerata ancora modesta e con rischi di varia natura, anche se con una riduzione delle tensioni negli ultimi tempi anche dopo gli ultimi risultati elettorali in Europa”. Così il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco alla conferenza finale del G7 Finanze.

“Stiamo studiando le conseguenze di questo attacco, a noi sembra che per ora per il sistema finanziario non ci siano problemi”, ha detto il governatore della Banca d’Italia a proposito dell’attacco hacker globale di venerdì 12 maggio.

Nel documento il G7 da input anche sui flussi migratori: “Data l’importanza di affrontare i flussi illeciti legati alla schiavitù moderna, il traffico di migranti e di esseri umani, invitiamo il Fatf (Financial action task force) a continuare a lavorare in questo settore, anche attraverso l’aggiornamento delle tipologie del fenomeno e degli indicatori di rischio”.