Morto Dean Potter, l'uomo che sussurrava alle nuvole. Stasera l'ultimo volo dello Spiderman dei Canyon.

Morto Dean Potter, l'ultimo volo dell' l'Uomo Ragno del Canyon
Morto Dean Potter, l’ultimo volo dell’ l’Uomo Ragno del Canyon

L’ultimo volo di Dean Potter,  l’uomo che sussurrava alle nuvole. Uno degli atleti di sport estremi più famosi d’America è morto dopo essersi lanciato con la tuta alare dal ciglio di un promontorio, il Taft Point, nel parco nazionale di Yosemite, in California. Potter, “l’Uomo Ragno del Gran Canyon”, famoso per le sue acrobazie da funambolo in alta quota, si è schiantato a terra insieme con un altro noto “Base Jumper”, Graham Hunt.

Potter era partito al crepuscolo da 2.286 metri di quota con indosso la tuta alare. Taft Point è a poca distanza dai massicci di Half Dome e El Capitan, teatro di altre sue leggendarie imprese. I corpi sono stati avvistati da un elicottero dopo che per ore se ne erano persi i contatti. Qualcosa nell’ultimo volo e’ andato storto: cercando di evitare una sporgenza di granito, i due “base jumpers” sono invece capitombolati roccia dopo roccia senza riuscire ad aprire i paracadute.

CHE COS’E’ IL BASE JUMPING

Il “Base jumping”, in pratica un lancio da un ciglio di montagna con il paracadute che si apre pochi secondi prima dell’impatto, e’ illegale nei parchi nazionali e anche a Yosemite le autorità fanno il possibile per frenarne l’attività. Potter per anni aveva eluso i controlli anche a costo di perdere sponsorizzazioni: in novembre dopo l’uscita del film ‘Valley Uprising’ la societa’ di prodotti alimentari per lo sport Clif Bar aveva tagliato i ponti con lui e con quattro altri atleti giudicando “troppo rischioso” il loro comportamento.

Dean Potter aveva cominciato a lanciarsi per battere un sogno ricorrente che, notte dopo notte, lo vedeva precipitare in caduta libera: per lui una premonizione di morte. “Se devo morire voglio farlo a mio modo”, aveva spiegato a ESPN, la rete tutto sport, nel 2008. Sempre quell’anno aveva confidato al New York Times che parte di lui diceva che era pazzo a pensare di poter volare, “ma un’altra parte di me pensa che e’ un sogno intrinseco dell’uomo. Perche’ non inseguirlo?”. Potter collezionava imprese una dietro l’altra.

Era stato il primo a scalare tre delle più famose “pareti” a Yosemite in un solo giorno e solo un mese fa aveva conquistato l’Half Dome in un’ora e 19 minuti, completando l’intera impresa sotto le 2 ore e 18, un record assoluto. Era anche famoso per le camminate funamboliche su una corda di nylon tesa tra i canyon più spettacolari del mondo e per i “base jumping”, alcuni dei quali effettuati con in spalla il cane, Whisper che era diventato una celebrita’ per conto suo.

Rispondi