Bambino siriano, morto anche Gabin, fratello di Aylan. Reporter: “Pietrificata”. FOTO

Gabin-Kurdy fratellino AylanSono morti anche la mamma Zahim di 27 anni e il piccolo Gabin  fratellino di 5 anni di Aylan, il bimbo di tre anni le cui foto che lo ritraggono senza vita su una spiaggia hanno commosso il mondo.

Lo ha riferito il padre Abdullah Kurdi che – ha fatto sapere – vuole tornare nella città siriana per seppellire la famiglia.

Le autorità turche, intanto, hanno arrestato i 4 scafisti per la morte del bambino siriano di 3 anni, Aylan, annegato insieme alla madre e al fratellino e ad altri migranti dopo che sono affondate due delle imbarcazioni su cui viaggiavano.

Il piccolo Aylan stava fuggendo con la famiglia da Kobane, l’enclave curda nella Siria del nord per mesi terreno di aspri combattimenti con gli jihadisti dell’Isis.

I quattro sospettati fermati, tutti siriani tra i 30 e i 41 anni, sono accusati di “aver causato la morte di più di una persona” e di “traffico di esseri umani”, ha riferito l’agenzia di stampa turca Dogan.

La foto del piccolo Aylan, che viene ritratto mentre giace senza vita sulla spiaggia ha fatto il giro del mondo, suscitando commozione e rabbia.

A sinistra il piccolo Aylan, il Bambino siriano trovato morto sulla spiaggia in Turchia e a destra il padre Abdullah Kurdi
A sinistra il piccolo Aylan, il bambino siriano trovato morto sulla spiaggia in Turchia e a destra il padre Abdullah Kurdi

Il padre del bambino siriano, Abdullah Kurdi, unico sopravvissuto, che ha perso la moglie 27enne Zahim Kurdi e i bambini Aylan a Gabin, ha fatto sapere che seppellirà la sua famiglia in Siria, a Kopana.

Nilüfer Demir, la fotoreporter dell’agenzia turca Dogan News Agency (DHA), autore degli scatti che hanno fatto il giro del mondo, ha affermato che appena ha notato il bambino siriano sulla spiaggia “sono rimasta pietrificata, ma ho dovuto scegliere di fare il mio lavoro di giornalista.

Nilüfer Demir, la fotoreporter che ha scattato le foto di Aylan. A destra il piccolo giace senza vita sulla spieggia
Nilüfer Demir, la fotoreporter che ha scattato le foto di Aylan. A destra il piccolo giace senza vita sulla spieggia

E così ho scattato le foto perché era giusto che la gente sapesse e conoscesse questi drammi. Dentro di me ho sentito una sensazione di tristezza e rabbia”, ha detto la reporter.

“Percorrendo la costa – ha aggiunto – ha notato cento metri più avanti anche il corpo di altri migranti e del fratellino di Aylan, Galib Kurdy. “Erano senza giobbotto di salvataggio”, ha raccontato la reporter.

A sinistra Aylan Al-Kurdi, il bambino siriano ritratto con la maglietta rossa sulla spiaggia. A destra il fratellino Gabin di 5 anni morto anche lui con la madre, trovati a 100 metri di distanza.
A sinistra Aylan Al-Kurdi, il bambino siriano ritratto con la maglietta rossa sulla spiaggia. A destra il fratellino Gabin di 5 anni morto anche lui con la madre, trovati a 100 metri di distanza.

In realtà, i “lifejackets”, ha spiegato il padre dei bambini: “li avevamo, ma non abbiamo avuto il tempo di indossarli perché appena l’imbarcazione ha iniziato a imbarcare acqua, per il panico di tutti, si è capovolta. Eravamo a 500 metri dalla riva”, ha detto in lacrime Abdullah Kurdi che ha fatto sapere di essere giunto “a riva a nuoto nella notte. Ho tentato di afferrarlo ma mi è scivolato”.

La reporter ha affermato che si trovava alle 6 del mattino del 2 settembre scorso sulla costa Akyarlar del distretto di Bodrum, nella provincia di Mugla, dicendo che i corpi dei migranti e del bambino siriano “erano ancora a terra a due giorni dall’affondamento dei gommoni”.

 

Comments are closed.