Parigi, identificati 3 terroristi. Commando di 20 persone tra cui donne

Cerchiato in rosso Courcouronnes, luogo dove è cresciuto il terrorista francese che ha ucciso decine di connazionali al Bataclan di Parigi - terroristi isis
Cerchiato in rosso Courcouronnes, luogo dove è cresciuto il terrorista francese che ha ucciso decine di connazionali al Bataclan di Parigi

Le autorità francesi avrebbero identificato alcuni dei terroristi uccisi nei blitz delle teste di cuoio. Si tratterebbe di un siriano, un francese e un egiziano. Secondo quanto è emerso dalle indagini serratissime dell’intelligence francese, nel commando, formato dai 15 ai 20 terroristi (stima al ribasso tenuto conto dell’articolazione degli attacchi) ci sarebbe anche una donna. Questa circostanza è stata riferita alle autorità da una superstite del teatro Bataclan. Ma di jihadiste potrebbero essercene di più.

La gendarmeria ha rinvenuto un passaporto siriano negli indumenti di uno degli attentatori kamikaze che si sono fatti esplodere allo Stade de France, riferisce Bfm-Tv, precisando che sono in corso verifiche per accertare l’origine e l’autenticità del documento. L’uomo era nato nel 1990.

Sempre nei pressi dello stadio, dove si stava giocando l’amichevole Francia Germania alla presenza del presidente Francois Hollande, sul corpo di un altro kamikaze è stato rinvenuto un passaporto egiziano.

Un terzo kamikaze – riferisce invece “Europe1” – sarebbe stato identificato al Bataclan e sarebbe di nazionalità francese. Il kamikaze francese è stato identificato dalle impronte su un dito sezionato. Era già noto ai servizi di sicurezza e schedato per la sua vicinanza con gli ambienti islamici più radicali e ritenuti a rischio. Il kamikaze, secondo quanto si è appreso, era nato nella banlieue parigina, a Courcouronnes. Di tutti e tre non sono stati ancora resi noti i nomi e le foto.

Sono in corso verifiche medico legali per accertare l’identità degli altri cinque terroristi uccisi. Sarebbero in tutto otto i jihadisti uccisi dalle forze speciali, sette dei quali hanno prima sparato e ucciso con Kalashnikov per poi farsi saltare in aria con delle cinture imbottite di espolosivo. Per identificare i resti, sarà necessario fare l’esame del Dna e comparare i risultati con quanto risulta nella bancadati della polizia francese.

Intanto, è di nuovo allame per un’auto con quattro persone armate che ha forzato un casello autostradale nelle Yvelines, a sud-ovest di Parigi. Secondo fonti di “Le Parisien”, la polizia sta inseguendo l’auto, una Citroën Berlingo con quattro uomini pesantemente armati, individuata ad Ablis e diretta a Parigi.

Altra circostanza che potrebbe coincidere con quanto riferito da alcuni superstiti che hanno raccontato alla polizia di un’auto con targa belga scendere armati fino ai denti davanti al teatro Bataclan. Non si esclude che i quattro fuggitivi facciano parte del commando di ieri sera. Al Bataclan sarebbero giunti circa otto terroristi su due auto diverse.

Secondo alcune fonti vi sarebbe una forte correlazione tra gli allarmi bomba lanciati ieri mattina da anonimi (l’hotel dove alloggiava la nazionale tedesca era stato evacuato), con gli attacchi di reali di ieri sera. E’ probabile che i telefonisti anonimi facessero parte proprio del commando dell’Isis per depistare l’attenzione.