Esplosione a Istanbul. C'è l'Isis dietro la strage di tedeschi

Esplosione in piazza turistica a Istanbul. Morti e feriti
Soccorritori e polizia a iazza Sultanahmet, a Istanbul dove è avvenuta l’esplosione

ISTANBUL – Apparteneva all’Isis il kamikaze che si è fatto esplodere a Istanbul tra la folla di turisti, uccidendo 10 persone (otto turisti tedeschi e due peruviani) e ferendone altre 15, sempre stranieri. E’ accaduto nel quartiere turistico di Sultanahmet, una zona molto frequentata in quanto ospita le maggiori attrazioni turistiche della città.

Il kamikaze è un saudita di origini siriane di 28 anni. Fonti locali citate dai media turchi, dicono che il giovane camminava insieme a una donna (irrintracciabile) quando a un certo punto l’uomo, identificato come Nabil Fadli, ha fatto scattare il detonatore in mezzo a decine di turisti.

Una forte esplosione ha scosso martedì. attorno alle 10.30, Piazza Sultanahmet, a Istanbul. La deflagrazione ha causato almeno 10 morti e 15 feriti.

Al momento, riferisce l’agenzia Dha, non è ancora chiaro se si tratta di una esplosione causata da terzi, ma è molto probabile che la matrice sia del califfato islamico. L’area è molto frequentata dai turisti e ospita le maggiori attrazioni turistiche della città.

La polizia turca in via cautelativa, ha chiuso Piazza Sultanahmet dove si trovano la nota Moschea Blu e il Topkapi Palace. L’Unità di crisi della Farnesina si è immediatamente attivata ed è in contatto con il Consolato generale d’Italia a Istanbul per verificare l’eventuale coinvolgimento di italiani nell’esplosione. Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha attivato l’unità di crisi per gestire la situazione dopo l’esplosione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here