Bruxelles, scontri al corteo anti austerità. Feriti e fermi

Bruxelles, scontri al corteo anti austerità
Un momento degli scontri a Bruxelles (Ansa/Ap)

Scontri a Bruxelles tra polizia e manifestanti al corteo di protesta contro l’austerità. Le forze dell’ordine belghe hanno usato lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere i manifestanti.

Una decina di manifestanti, alcuni di questi col volto coperto, hanno attaccato la polizia durante la manifestazione alla Gare du Midi a Bruxelles, col lancio di petardi e oggetti come pietre e bottiglie.

Il bilancio sarebbe di otto persone e due agenti di polizia feriti negli scontri. Fermate diverse persone. Uno dei due agenti feriti è il commissario Vandesrmissen, il capo della sicurezza, colpito alla testa. Con lui, secondo i media belgi, è rimasto ferito anche un altro poliziotto. Dalle prime ricostruzioni sembra che gli scontri siano stati causati da alcuni infiltrati alla manifestazione anti austerity organizzata dai sindacati

A seguito degli scontri la polizia ha deciso di chiudere temporaneamente le stazioni della metro Porte de Hal e Lemonnier per ragioni di sicurezza. Sono stati chiusi anche il tunnel della Porte de Hal e del boulevard du Midi nei due sensi. Intanto sono tre e molto diversi tra loro, i numeri dei partecipanti al corteo forniti da autorità e sindacati: secondo la polizia federale i manifestanti sarebbero stati in tutto 37.500, 50mila per i sindacati, 60mila per la polizia locale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here