Fallisce test missile della Corea del Nord. Usa vicini ad azione militare

Missile Corea del Nord, alta tensione con UsaE’ alta tensione tra Usa e Corea del Nord, con i primi che avanzano l’ipotesi di raid militari se Pyongyang mostra arroganza coi suoi test missilistici. Venerdì sera la Corea del Nord ne ha lanciato uno balistico sfidando apertamente gli Stati Uniti che poche ore prima, al Consiglio di sicurezza dell’Onu, avevano aperto al negoziato pur lasciando “tutte le opzioni sul tavolo”, compresa appunto quella militare.

Il lancio è fallito e il razzo è esploso in volo prima di oltrepassare i confini nordcoreani. Trump su Twitter scrive: “La Corea del nord ha mancato di rispetto agli auspici della Cina e al suo altamente rispettato presidente lanciando oggi, anche se senza successo, un missile. Male!”. Cina e Russia sono contro ogni azione militare.

L’amministrazione Trump – riferiscono alcuni media Usa citando fonti della Casa Bianca – potrebbe rispondere all’ultimo fallito test missilistico nordcoreano accelerando l’ipotesi di nuove sanzioni nei prossimi giorni e con ulteriori esercitazioni navali o l’invio di aerei o navi come prova di forza.

Il governo giapponese rimane in stato di allerta dopo il fallito lancio di un missile balistico da parte della Corea del Nord. I ministri dell’esecutivo si sono riuniti urgentemente nella sede del Consiglio nazionale di sicurezza, nella mattinata di sabato, e hanno confermato che si sta analizzando ogni tipo di informazione, incluso il tipo di missile utilizzato nell’esperimento di Pyongyang, e il governo continuerà a tenere i cittadini informati, garantendo la sicurezza dello spazio aereo e i confini navali. Il capo di Gabinetto Yoshihide Suga ha affermato in una conferenza stampa che il Giappone è “preparato a rispondere a ulteriori provocazioni della Corea del Nord”. Il sistema dei trasporti della metropolitana di Tokyo, per la prima volta ha interrotto i servizi per 10 minuti alle 6.07 del mattino, quando è stata rilasciata l’informazione del lancio del missile, così come il servizio dei treni veloci Shinkansen, lungo il versante occidentale dell’arcipelago, nella prefettura di Ishikawa.

Francia a Onu, linea dura Consiglio sicurezza – L’ambasciatore francese all’Onu, Francois Delattre, ha detto, dopo il fallito lancio di un missile a medio raggio da parte di Pyongyang, che il Consiglio di sicurezza è “mobilitato” e unanime sulla necessità di denuclearizzare la Corea del Nord. “Anche se ci sono delle ‘sfumature’ sulle politiche da attuare tra i membri del Consiglio – ha detto – c’è unanimità sulla necessità che la Corea del Nord rinunci alle sue armi nucleari!. “Il Consiglio – ha aggiunto – deve essere “molto fermo” nell’implementare sanzioni, adottarne di nuove se necessario e denunciando le violazioni dei diritti umani da parte della Corea del Nord”.