Grattacielo Londra, Scotland Yard: 79 tra morti e dispersi

Nel riquadro due italiani dispersi a Londra Gloria Trevisan e Marco Gottardi
Nel riquadro due italiani dispersi a Londra Gloria Trevisan e Marco Gottardi (Ansa)

La polizia di Londra ha reso noto che sale a 79 tra morti e dispersi il bilancio dell’incendio alla torre di Londra, e “che il numero delle vittime potrebbe aumentare ancora”. (aggiornato il 19 giugno 2017)

Decine sono i feriti, di cui alcuni in gravi condizioni. Vi sono anche alcuni dispersi, tra cui due italiani, Gloria Trevisan e Marco Gottardi, entrambi architetti veneti di 27 e 28 anni. (Morti, ndr)

I due, che sono fidanzati, sono a Londra dallo scorso mese di marzo, ed erano in un appartamento al 23esimo e penultimo piano del grattacielo Grenfell Tower, a North Kensington.

Dopo le prime verifiche sull’edificio, è stato scongiurato il rischio di collasso della torre. Intanto è stato rinviato l’annuncio dell’accordo di governo. “Profondamente rattristata per la perdita di vite”. E’ il commento della premier britannica Theresa May. Mentre il leader laburista, Jeremy Corbyn, chiede che il governo riferisca in Parlamento.

E’ in salvo il bambino lanciato nel vuoto dalla madre e preso al volo da un uomo. Drammatiche le testimonianze di alcuni superstiti che hanno raccontato di aver vissuto attimi come l’11 Settembre, intrappolati nella torre avvolta completamente dalle fiamme. Al momento sono ancora ignote le cause dell’incendio.