Caldoro: "La Campania è indebitata dieci volte più del comune di Napoli". Con questi chiari di luna…

“La Regione Campania è indebitata dieci volte più del comune di Napoli”. A sostenerlo, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, che  in un’intervista rilasciata al Consorzio Cmg che raggruppa le emittenti locali Canale 21, Canale 9, Canale 8 e Televomero, in onda nelle edizioni pomeridiane e serali dei tg di oggi, spiega anche che ”il Fondo di rotazione era stato una richiesta delle Regioni, partito da qui, dalla Campania”. ”Questo strumento l’abbiamo quasi definito noi poi e’ stato utilizzato per i Comuni – afferma – Noi abbiamo chiesto di allargare questo strumento anche alle Regioni”. Il provvedimento e’ comunque ancora all’esame del Parlamento e, sostiene Caldoro, ”e’ corretto che i benefici li abbiano tutti”. Giusto! ‘Poi afferma che è “Felice perché i Comuni ”potranno risolvere i loro problemi”, ma ”dispiaciuto” perche’ lo stesso strumento, il Fondo di rotazione, ”non e’ stato previsto per le Regioni”.”Sono comunque felice che il Governo abbia pensato ai Comuni ai quali da’ una grande mano – sottolinea – quello che mi dispiace e’ che non abbia previsto gli stessi strumenti, dati a Comuni e Province, per le Regioni”. ”E’ chiaro che ci si aspetta sempre di piu’ ma questo realizzato e’ un enorme aiuto – aggiunge – Il provvedimento era di 100 euro ad abitante per il Fondo di rotazione e il Governo e’ al lavoro per arrivare a 200 euro a cittadino. Hanno dato a tutti i Comuni italiani una mano anche sul Patto di stabilita”’. Per le Regioni, invece, non e’ stato previsto lo stesso meccanismo. ”Avevamo chiesto al Governo anche per le Regioni strumenti a sostegno dei cittadini – prosegue – perche’ se hai la liquidita’ paghi la sanita’, i trasporti, il sociale, i debiti che hai verso i debitori. I Comuni potranno farlo e le Regioni no”.
”Sia sul debito sia sul deficit – conclude – abbiamo, al netto della inversione di tendenza avviata, una situazione dieci volte piu’ grande del Comune di Napoli perche’ abbiamo un indebitamento dieci volte piu’ grande e che e’ gia’ altissimo, poi un deficit maggiore ma chiaramente le dimensioni sono diverse”.  Con questi chiari di luna Caldoro sarà costretto a tagliare i servizi ai cittadini. Ma se taglia questi, perché non anche i costi di quella politica sguazzano un po’ tutti?

Condividi