A un passo dalla scissione nel Pd. Telefonata Renzi e Emiliano

Renzi all'Assemblea Nazionale del Pd

Una lunga telefonata ha aperto un canale di dialogo tra Matteo Renzi e Michele Emiliano a due giorni dall’assemblea Pd. Secondo quanto riferiscono fonti della minoranza Dem – non confermate dalla maggioranza – Emiliano avrebbe ribadito al segretario la richiesta di non fissare il congresso subito ma tenerlo dopo le amministrative di giugno, per chiuderlo a fine settembre o ottobre.

Lo avrebbe anche rassicurato del fatto che se il Pd dovesse perdere le comunali, la minoranza non addosserebbe a lui la colpa: il Pd arriverebbe con spirito unitario alla sfida per la leadership di ottobre. Emiliano avrebbe inoltre spiegato a Renzi che l’idea di spostare il congresso nasce dalla preoccupazione per la corsa al voto ad aprile.

Il segretario, spiegano le stesse fonti, avrebbe detto che non aveva smania di correre al voto e che comunque ora la ‘finestra’ di giugno è saltata e che per lui Gentiloni può andare avanti fino al 2018. Quanto alla possibilità di un rinvio del congresso all’autunno, il segretario – ma fonti della maggioranza non confermano – non avrebbe chiuso la porta a una riflessione.

Nardella dopo incontro con Renzi: La scissione? “Ancora non si può dire che sia evitata del tutto: mi pare però che in queste ultime ore si stiano intensificando gli sforzi per evitarla”.

Intanto fa discutere il fuorionda Del ministro Graziano Delrio con Michele Meta durante un incontro sul trasporto pubblico nella Capitale. “Non ha fatto neanche fatto una telefonata, su… come cazzo fai in una situazione del genere a non fare una telefonata?.

Entrando poi a Palazzo Chigi, Delrio corregge il tiro e commenta l’appello di Renzi ad evitare la scissione, invito lanciato oggi dal segretario Pd dalle pagine del Corriere della Sera: “Renzi ha fatto un appello, è più di una telefonata – ha detto il ministro -: ha tolto ogni alibi a coloro che pensano che la scissione si possa fare su una settimana in più o in meno per il congresso. Se qualcuno ha deciso nessuno lo farà desistere, ma tutti sono indispensabili nel partito e adesso non ci sono più alibi. E’ il momento della responsabilità da parte di altri, la maggioranza ha fatto tutto il possibile”.

Salvare il Pd è ancora possibile, ha detto infatti Renzi al Corriere, “faccio un appello ai dirigenti: bloccate le macchine della divisione. Non andatevene, venite. Partecipate. Le porte sono aperte, nessuno caccia nessuno, torniamo a parlare di Italia”. Il segretario ha detto che non accetterà “ricatti”, che il congresso va fatto, come chiesto dalla minoranza, e che sui tempi “c’è lo statuto”.

“Io voglio evitare qualsiasi scissione”, afferma l’ex presidente del Consiglio. “Se la minoranza mi dice: o congresso o scissione, io dico congresso. Ma se dopo che ho detto congresso loro dicono ‘comunque scissione’, il dubbio è che si voglia comunque rompere. Che tutto sia un pretesto”. (Ansa)