Pd nella palude, Renzi tira dritto: “Troppi ricatti da minoranza”

Matteo Renzi stringe la mano a Michele Emiliano
Matteo Renzi stringe la mano a Michele Emiliano (Ansa/Lami)

E’ scontro all’assemblea del Pd. Dopo il discorso di Matteo Renzi, giudicato dalla sinistra troppo duro, la strada sembra segnata. “Aspettiamo la replica, ma Renzi ha alzato un muro”, dice Pier Luigi Bersani. La minoranza, fa sapere l’ex segretario, prenderà le sue decisioni dopo la replica del segretario.

“È stato alzato un muro – conferma Enrico Rossi ancora più deciso – sia nel metodo che nella forma. Per noi la strada è un’altra. Sono maturi i tempi per formare una nuova area”. Di diverso avviso sembra, invece, Michele Emiliano: “E’ a portata di mano” ritrovare l’unità: “Siamo a un passo dalla soluzione.

Un piccolo passo indietro consente a una comunità di farne cento avanti. Io sto provando a fare un passo indietro, ditemi voi quale, che consenta di uscire con l’orgoglio di appartenere a questo partito. Senza mortificare nessuno”. “Stasera non posso che dire al segretario che ho fiducia in lui”, aggiunge, chiedendogli un’ultima mediazione sulla conferenza programmatica.

Ma in serata, con una dichiarazione congiunta, Emiliano, Rossi e Speranza rompono gli indugi: “Anche oggi nei nostri interventi in assemblea – scrivono – c’è stato un ennesimo generoso tentativo unitario. È purtroppo caduto nel nulla. Abbiamo atteso invano un’assunzione delle questioni politiche che erano state poste, non solo da noi, ma anche in altri interventi di esponenti della maggioranza del partito. La replica finale non è neanche stata fatta. È ormai chiaro che è Renzi ad aver scelto la strada della scissione assumendosi così una responsabilità gravissima”.

Dalla maggioranza, d’altra parte, si dava per scontata la scelta della sinistra di uscire. “La scelta è già stata fatta – allarga le braccia Lorenzo Guerini – Peccato”. “Fermiamoci e ripartiamo, la scissione non ha senso”. E’ stato il messaggio di Matteo Renzi all’assemblea del Pd. Un Renzi che, però, anche all’attacco: “Scissione è una brutta parola, ma peggiore c’è solo ricatto. Non è accettabile che si blocchi un partito sulla base di un diktat di una minoranza”.

Nel suo discorso il segretario del Pd ha sottolineato che il partito sta facendo “un regalo” a Beppe Grillo discutendo “solo di se stesso”. Ha ribadito la volontà di andare a congresso, ma anche il sostegno al governo Gentiloni. Dopo aver ascoltato il discorso di Renzi e degli esponenti di maggioranza, la minoranza resta sulle sue posizioni non vedendo da parte del vertice dem “la volontà di unire”. Per la minoranza ha parlato solo Guglielmo Epifani ma la minoranza è rimasta in sala ad ascoltare gli interventi. Per ora nessuna dichiarazione ufficiale. “Parleremo al momento giusto”, dice Roberto Speranza. Intanto nessun candidato si è presentato per la segreteria direttamente in assemblea, parte dunque il congresso anticipato. (Ansa)