Elezioni in Sicilia, Musumeci al 36%, Cancelleri (M5S) al 34

Giancarlo Cancelleri e Nello Musumeci
Da sinistra Giancarlo Cancelleri e Nello Musumeci

Elezioni in Sicilia, avanti il Centrodestra, insegue il M5S e crolla il Pd. E’ quasi testa a testa fra i due contendenti nella corsa alla presidenza della Regione Sicilia. La terza proiezione, quando sono state scrutinate oltre il 15% delle schede, Nello Musumeci, Centrodestra, si attesta con due punti di vantaggio (al 36%) sul rivale del M5S Gianxcarlo Cancelleri, fermo al 34.

Fabrizio Micari, candidato del Pd, scende di oltre un punto rispetto alla prima proiezione collocandosi al 19,5% mentre Claudio Fava tiene sul 9%. Crolla dunque il Partito democratico, al suo minimo storico nella regione.

Le proiezioni Emg Acqua Group per il Tg La7 – su un campione del 5% – vedono il candidato del centrodestra Nello Musumeci in testa con il 37,5% delle preferenze. Seguono l’esponente del M5S Giancarlo Cancelleri al 36,4%, Fabrizio Micari con il 18,8% e Claudio Fava con il 6,7%.

Gli exit poll di “La7” davano il candidato del centro destra Nello Musumeci avanti (con una forbice fino al 40,5%), ma a con Giancarlo Cancelleri del M5S (33,5-37,5). Il Pd crolla. al 16-20%, Fava 6-9%.

Dalle proiezioni emerge finora che il centrosinistra unito sarebbe arrivato comunque terzo. Se si sommano infatti i voti ottenuti da Fabrizio Micari (Pd e altre liste) e Fava (Mdp-Sinistra), 20%-9%, il dato complessivo non arriva al 30 percento. Tuttavia, il risultato è condizionato da una bassissima affluenza alle urne: oltre il 53 percento degli aventi diritto ha disertato i seggi.