Tumori: uso prolungato pillola aumenta rischio cancro al cervello

L’uso a lungo termine di contraccettivi ormonali puo’ raddoppiare il rischio di sviluppare il cancro al cervello. Nonostante questo, le probabilita’ che una singola donna venga colpita da questo tumore sono in realta’ estremamente piccole.

Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori della Odense University Hospital e della University of Southern Denmark (Danimarca) in uno studio pubblicato sulla rivista British Journal of Clinical Pharmacology. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno confrontato i dati di 319 donne che hanno ricevuto una diagnosi di glioma, un tipo di tumore al cervello, con quelli di 2.126 donne senza la malattia.

Tutte le donne avevano dai 15 ai 19 anni d’eta’. Ebbene le donne che hanno fatto uso di un contraccettivo orale o di un dispositivo intrauterino che rilascia ormoni (Iud), ovvero la spirale, hanno avuto il 50 per cento di probabilita’ in piu’ di ammalarsi di tumore al cervello rispetto a chi non ha fatto uso di questi contraccettivi.

Le differenze di rischio sono aumentate del 90 per cento, poco meno del doppio, nelle donne che hanno fatto uso dei contraccettivi per 5 anni o piu’. In particolare, solo i contraccettivi progestinici sono risultati fortemente associati con il glioma, aumentando il rischio di quasi 3 volte.

Per quanto riguarda la tipologia del tumore, il rischio è risultato maggiore per il gliobastoma multiforme, il tipo di tumore cerebrale primario piu’ aggressivo. Il progesterone e’ noto per aumentare la proliferazione delle cellule del glioma ad alto grado, chiamati in laboratorio astrocitomi.

Si crede che esso aumenti il livello dei fattori di crescita, sostanze naturali che stimolano la crescita cellulare. Tuttavia, gli scienziati ritengono che al momento non e’ molto chiaro come i contraccettivi contenenti progesterone possano influenzare lo sviluppo del tumore. In ogni caso il glioma rimane un tumore raro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here