Epidemia influenzale, 3.2 milioni di italiani a letto. Molti i bambini colpiti

epidemia influenzaleTutti a letto, adulti e bambini.  Il bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità parla di una epidemia influenzale che ha lasciato a casa 3.2 milioni di italiani. Secondo l’Iss l’influenza ha raggiunto il suo picco nella settimana tra il 19 e 25 gennaio e ora ha iniziato la sua fase calante.

Il livello di incidenza in quest’ultima settimana, tra il 26 gennaio e 1 febbraio, è stato di 10,35 casi per 1000 assistiti, dopo aver raggiunto in quella precedente il picco di 10,67 casi per mille pazienti.

Il numero di casi stimati, in questa settimana, è stato di circa 629mila, e gli italiani finiti a letto per l’influenza, dall’inizio della stagione influenzale, sono in totale oltre 3,2 milioni. I più bersagliati dall’influenza rimangono i bambini: nella fascia di età tra 0 e 4 anni l’incidenza nell’ultima settimana è stata di 26,87 casi per mille assistiti, e di 20,25 casi tra i 5 e 14 anni.

Più bassi i valori registrati nelle fasce più adulte: 8,89 casi tra i 15 e 64 anni, e 3,79 tra gli anziani con più di 65 anni. In molte regioni il livello di incidenza è molto alto, ma le più colpite risultano essere Marche, Campania, Emilia-Romagna, la provincia autonoma di Trento e il Piemonte.

Il livello di incidenza finora raggiunto, commenta l’Iss, è alto e la curva epidemica è sovrapponibile a quella osservata nella stagione post pandemica del 2010-2011.

Rispondi