I camionisti non mollano. Disagi in autostrada. “Siamo all’inizio. Draghi ritiri il Green pass”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Non mollano i camionisti. Sono decine di migliaia i mezzi pesanti che partecipano alla manifestazione per protestare contro il discriminatorio Green pass. Insieme a loro, da nord a sud, da est a ovest, anche furgoni, auto e tra qualche giorno si assoceranno pure i motociclisti. Su larga parte delle autostrade italiane il traffico è intenso con lunghe code che arrivano sui venti km. Andamento molto lento.

I camionisti viaggiano a 30km orari, di fatto paralizzando la normale circolazione con conseguenti ritardi nelle consegne delle merci, ma pure creando disagi agli altri automobilisti. “E’ una protesta che faremo ad oltranza fin quando il governo non ritirerà il green pass che discrimina chi ha liberamente scelto di non fare il vaccino. Siamo solo all’inizio e non molleremo”, avvertono.

La protesta è iniziata ieri mattina, proseguita in “tranquillità” per tutta la notte, ma già nella giornata di oggi i disagi sono stati notevoli in diverse arterie autostradali. Nessun tg parla di questa imponente protesta, che nei prossimi giorni potrà completamente paralizzare il Paese. A girare le immagini ci pensano in autonomia camionisti e automobilisti. Clip, tra ieri e oggi, in cui si vedono le lunghe code. Per loro sui social forti applausi e un auspicio: “Non mollate, siete la nostra speranza”.

VIDEO 

Leggi anche

Green pass, camionisti in rivolta e l’Italia inizia ad andare in tilt. “Il peggio nei prossimi giorni”


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM