7 Ottobre 2022

Chirurgo vaccinato risulta positivo, “focolaio” in ospedale

Correlati

Un cardiologo in servizio presso la torre cardiologica dell’azienda ospedaliera Ruggi d’Aragona di Salerno è risultato positivo al Covid.

L’azienda sanitaria ha disposto l’effettuazione di oltre 1.300 tamponi tra i contatti avuti dal medico e risultati tutti negativi.

«La situazione è sotto controllo e ogni forma di allarmismo appare ingiustificata». A sottolinearlo in una nota è Vincenzo D’Amato, direttore generale dell’azienda ospedaliera salernitana.

«Tra i dipendenti risultano positivi un dirigente medico cardiologo (in possesso di certificato di esenzione dall’obbligo vaccinale), che pertanto non effettua interventi chirurgici e tre operatori del comparto afferenti ad altro reparto», e quindi non collegati a questo caso, ha chiarito il direttore generale D’Amato che ha ricordato anche i protocolli che vengono adottati dal Ruggi.

«Vengono costantemente effettuati tamponi molecolari sui dipendenti da parte della sorveglianza sanitaria che assicura l’offerta attiva della somministrazione della terza dose del vaccino anti Sars-CoV 2. In merito ad ipotetiche sospensioni per inottemperanza dell’obbligo vaccinale, nessuna comunicazione è giunta da parte dei vari ordini professionali. In merito si precisa che da quando è stato istituito l’obbligo vaccinale sono stati sospesi tre dipendenti».

In tutta la provincia di Salerno, invece, sono 26 i medici sospesi per inottemperanza all’obbligo vaccinale. Il direttore del Ruggi, infine, ha spiegato che «il numero di pazienti ricoverati Covid positivi, alla data odierna è pari a nove, di cui 5 giunti in ospedale per altra patologia e risultati positivi». (ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Elezioni in Brasile, è ballottaggio tra Lula e Bolsonaro. Jair: “Contro tutto e tutti, vinceremo”

Il candidato progressista si è fermato al 48,43% nonostante i sondaggisti lo davano vittorioso al primo turno. Il presidente uscente ha ottenuto il 43,2 percento, ma ha sbancato il congresso ottenendo almeno 99 seggi. Doppio turno il 30 ottobre.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER