Terremoto del 4.3 a Maratea. 4 anni fa lo sciame sul Pollino

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
In cartina il punto del terremoto del 29 ottobre 2016 a Maratea
In cartina il punto del terremoto del 29 ottobre 2016 a Maratea

Una terremoto di magnitudo 4.3 è stato registrato sabato 29 ottobre, alle ore 13.58, al confine tra Basilicata e Calabria.  L’epicentro è stato localizzato a Maratea (Potenza), ad una profondità di 270 chilometri.

Tra i comuni più vicini all’epicentro, l’Ingv segnala anche Trecchina, Rivello, Nemoli, Lauria (Potenza) e Tortora (Cosenza). Sono stati in pochi ad avvertire la scossa di terremoto. Poche, quindi, le telefonate giunte ai Vigili del Fuoco da cittadini preoccupati. Fino a questo momento in nessun Comune sono stati segnalati danni a persone o cose.

Il giorno precedente, sabato 28 ottobre è stato avvertito in Calabria e in Sicilia una lieve scossa derivante dalle onde sismiche registrate a nord di Ustica, nel Tirreno meridionale. Il movimento tellurico, del 5.7 della scala Richter, si è verificato a un centinaio di chilometri a ovest del Vulcano sottomarino Marsili.

Tra ottobre e novembre 2012, sul Pollino, qualche decina di chilometri più a Sud di Maratea, la zona interna è stata interessata da un intenso sciame sismico durato circa due anni, che ha molto sconvolto la popolazione residente, soprattutto a Mormanno, centro cosentino incastonato tra le rocce del massiccio calabro lucano.

Molti i danni, con crolli e case rese inagibili. La gente dormì per mesi nelle auto e all’aperto. Il 26 ottobre 2012 una scossa del 5.0 grado fece tremare anche Cosenza. In seguito, il Cdm stanziò dei fondi per l’emergenza sismica.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER