Democratici e progressisti, dalla Calabria guerra sul nome

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Scotto, Speranza e Rossi di Democratici e Progressisti
Scotto, Speranza e Rossi di Democratici e Progressisti

Una lettera di diffida a usare il nome “Democratici e progressisti” è stata inviata questa mattina agli uffici di Camera e Senato dagli esponenti Pd Ernesto Carbone, Ferdinando Aiello e Giuseppe Giudiceandrea.

I tre rivendicano di aver presentato la lista per il Pd in Calabria nel 2014 (era a sostegno della candidatura di Oliverio) e perciò il loro legale – nella lettera di cui abbiamo potuto prendere visione – invita “a modificare la denominazione del gruppo degli ex Pd “Articolo 1 – Movimento democratico e progressista” e si riserva di ricorrere in ogni sede alle autorità giudiziarie.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Il nome “Democratici e progressisti” era stato scelto dagli “scissionisti” del Pd nazionale dopo la spaccatura dell’altro giorno nel partito di Renzi. Speranza, Scotto, Rossi e altri hanno creato un nuovo gruppo in parlamento che raccoglie 37 membri alla Camera, 14 al Senato. A Montecitorio dei trentasette 20 sono ex Pd e 17 ex Sel.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM