‘Ndrangheta, sigilli a beni di un imprenditore per 3,7 milioni

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

sequestro beni Beni mobili e immobili per un valore di 3 milioni 700mila euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria all’imprenditore Andrea Carmelo Vazzana, di 48 anni, noto alle forze dell’ordine.

Il sequestro preventivo è stato eseguito dagli uomini del Nucleo investigativo – Sezione misure patrimoniali e personale del reparto anticrimine di Reggio Calabria in esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale – Sezione gip.

Il provvedimento è scaturito dalle risultanze dell’inchiesta denominata “Sansone”, condotta nel novembre 2016 dal Ros e dai carabinieri e finalizzata alla disarticolazione delle cosche reggine “Condello”, “Buda – Imerti”, “Zito – Bertuca” e “Garonfalo”.

I sigilli sono stati apposti all’impresa individuale “Edilmovit”, alla società denominata “Edilvazzana srl” e ai beni mobili loro riconducibili, nonché a saldi attivi dei depositi in denaro o titoli intestati a Vazzana e ai familiari conviventi. Leggi i dettagli dell’operazione Sansone con cui sono stati azzerati i clan: Primo Biltz e Secondo Blitz

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM