Taurianova, il sindaco Scionti dopo la bomba: “Turbato, ma vado avanti”

Taurianova, il sindaco Scionti dopo la bomba: "Turbato, ma vado avanti"
Il sindaco di Taurianova Fabio Scionti

Il sindaco di Taurianova, Fabio Scionti, va avanti nel suo incarico, dopo l’attentato della scorsa notte, in cui è stata distrutta con una bomba l’auto in uso alla moglie. Il primo cittadino ringrazia per la grande vicinanza registrata e annuncia che proseguirà il suo lavoro amministrativo.

“Esprimo profonda gratitudine per gli innumerevoli messaggi di solidarietà e di affetto che ho ricevuto a seguito del grave atto che ha colpito non solo la mia persona e la mia famiglia ma l’intera comunità di Taurianova”, scrive Scionti in una nota. “Un ringraziamento sentito – aggiunge – voglio inoltre rivolgere alla Prefettura, alla Procura e alle Forze dell’Ordine che stanno indagando sull’accaduto con grande professionalità e che hanno manifestato il loro sostegno e la loro vicinanza nei miei confronti”.

“Quest’atto, perpetrato con vigliaccheria, – ha detto ancora il sindaco – ha sicuramente turbato la mia tranquillità ma non ha intaccato la mia volontà di lavorare per la comunità che un anno e mezzo fa mi ha scelto alla guida della città. Le attestazioni di solidarietà che ho ricevuto dai miei concittadini sono per me un messaggio di speranza – sottolinea il primo cittadino di Taurianova – sono il segno tangibile che il cambiamento che questa città merita è possibile, ed è possibile attraverso un’azione quotidiana e collettiva incentrata sul rispetto delle regole”.

“Amministrare un comune in maniera trasparente, lavorare per la propria comunità e per il bene comune, non è un’attività straordinaria, è un dovere che bisogna esercitare con senso di responsabilità. Il mio augurio è che la comunità taurianovese, in virtù dell’azione portata avanti dall’Amministrazione comunale che rappresento – conclude Scionti – colga una importante occasione di rinascita civile, sociale e culturale”.

A SCIONTI LA SCORTA – Intanto, dopo il grave attentato è stato disposto un servizio di protezione per il sindaco Scionti. La decisione è stata adottata a conclusione della riunione tecnica di coordinamento delle forze di Polizia indetto dal prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari, in via straordinaria ed urgente, con la partecipazione del procuratore distrettuale delle Repubblica di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, e del procuratore della Repubblica del Tribunale di Palmi, Ottavio Sferlazza. Nel corso della riunione è stata disposta – riporta una nota – “l’intensificazione delle misure di vigilanza, prevenzione e controllo nel territorio di Taurianova. Il prefetto Di Bari, nell’apprendere la notizia, ha espresso la sua vicinanza al sindaco”. Nel comunicato si sottolinea il “crimine odioso perché colpendo figure istituzionali elettive, espressione della libera volontà dei cittadini, incide direttamente sulla vita dell’intera comunità”.

RICHETTI AL FIANCO DEL SINDACO – Il Pd è a fianco del sindaco Scionti e, per testimoniare la vicinanza e la solidarietà dell’intero partito calabrese e nazionale, nella giornata dell’8 settembre il portavoce nazionale del Pd, Matteo Richetti, accompagnato dal segretario regionale del Pd Calabria, Ernesto Magorno, sarà a Taurianova. Alle 12, la delegazione Pd incontrerà il sindaco, per ribadire di persona tutto il sostegno e l’affetto nei confronti di Scionti e dell’intera comunità in un momento così duro, dopo il gravissimo attentato – purtroppo l’ennesimo – di cui è stato vittima insieme alla sua famiglia.