Si è costituito a Milano il narcos calabrese Giuseppe Morabito

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il carcere di Milano Bollate. Nel riquadro Giuseppe Morabito
Il carcere di Milano Bollate. Nel riquadro Giuseppe Morabito

MILANO – Si è costituito stamattina presso la casa circondariale di Milano Bollate Giuseppe Morabito, 49 anni originario di Reggio Calabria, attivamente ricercato dai carabinieri di Lodi per reati di droga che gli sono costati una pesante condanna.

L’uomo, che da alcuni anni si nascondeva a Lodi Vecchio dove abitava con la famiglia, era stato colpito da un ordine di carcerazione della Procura generale della Repubblica di Reggio Calabria, dovendo espiare una pena residua di 9 anni e 10 mesi di reclusione, su una condanna complessiva a 14 anni per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti tra l’Italia ed il Sud America, attività illecita posta in essere dal 2002. Il costante pressing dei militari nella sua ricerca lo avrebbe indotto a presentarsi spontaneamente in carcere per scontare la pena.

Giuseppe Morabito, considerato contiguo ai clan della Locride, era stato arrestato nel 2007 nell’ambito dell’operazione “Stupor Mundi”, coordinata dalla Dda reggina, in quanto ritenuto elemento di vertice di un’organizzazione dedita al internazionale di traffico di “cocaina”, approvvigionata attraverso l’Olanda e il Belgio per essere spacciata in Piemonte e in Lombardia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER