Omicidio Muià, vietati funerali pubblici

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Il luogo dell'omicidio di Carmelo Muià, a Siderno
Il luogo dell’omicidio di Carmelo Muià, a Siderno

Funerali pubblici vietati per Carmelo Muià, il commerciante 45enne ritenuto organico ai clan ucciso l’altra sera a Siderno da sconosciuti che lo hanno freddato a colpi di arma da fuoco. Lo ha deciso il questore di Reggio Calabria Raffaele Grassi per evitare ritorsioni e possibili azioni di vendetta.

Le esequie sono state celebrate in forma strettamente privata domenica all’alba presso il cimitero di Siderno. La decisione, la quattordicesima dal 2015, è stata adottata in quanto la vittima è ritenuta intranea alla cosca Commisso, attiva nella Locride e con ramificazioni in Canada, Argentina ed Australia il cui business è centrato sul traffico internazionale di droga.

Muià è stato ammazzato in via Dromo a Siderno, mentre rientrava a casa in bici. Ignoti lo hanno avvicinato esplodendo una decina di colpi di pistola calibro 7,65, di cui almeno cinque hanno centrato la vittima. Sul fatto di sangue indagano i carabinieri coordinati dalla Dda di Reggio Calabria.