Scorta al dirigente del comune di Tropea dopo brutale aggressione

Carlomagno campagna ottobre 2018
Vincenzo Giannini
La vittima dell’aggressione, Vincenzo Giannini (Social)

Finisce sotto scorta il dirigente del Comune di Tropea, Vincenzo Giannini, 50 anni, aggredito martedì sera da due uomini incappucciati a colpi di bastone davanti al municipio della nota cittadina balneare calabrese dal quale era appena uscito alla fine della giornata di lavoro.

E’ quanto è stato deciso dal Comitato provinciale per la sicurezza pubblica al termine di una riunione in via d’urgenza convocata in Prefettura a Vibo Valentia. Presenti i vertici delle forze dell’ordine, un sostituto procuratore della Repubblica di Vibo ed il prefetto Guido Longo, si è deciso per la provvisoria istituzione di un servizio di scorta nei confronti dell’architetto vittima dell’aggressione e il rafforzamento delle attività di indagine subito avviate dalle forze di polizia.

Nell’occasione, sono state pianificate attività di prevenzione ordinarie e straordinarie sia nel perimetro urbano della città di Tropea, sia nei territori limitrofi. Sulla vicenda, il prefetto di Vibo Valentia, secondo quanto reso noto, è stato contattato personalmente dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, che ha sollecitato tutte le misure necessarie ad assicurare alla giustizia gli autori del gesto criminale e per garantire il massimo supporto al lavoro della Commissione straordinaria nella gestione del Comune di Tropea, i cui organi elettivi sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose.