‘Ndrangheta, scoperto a Rosarno bunker per latitanti

Nel nascondiglio, realizzato in muratura sotto terra, c'erano installate delle microcamere per eludere i controlli delle forze dell'ordine. All'interno bagno, camera e mobili. Si indaga

Carlomagno campagna ottobre 2018
bunker rosarno
La polizia scende nel bunker scoperto a Rosarno

Un bunker di oltre 20 metri quadrati, realizzato in muratura, è stato scoperto nel sottosuolo delle campagne di Rosarno dagli uomini della Squadra mobile di Reggio Calabria impegnati nella ricerca di latitanti.

Il nascondiglio, che è stato sequestrato, si ritiene sia stato utilizzato da latitanti di ‘ndrangheta. La struttura, completamente interrata e mimetizzata con lo stato naturale dei luoghi circostanti, è sorvegliata da alcune microtelecamere esterne nascoste nelle vicinanze.

Al bunker si accede da una botola in cemento che si apre a scomparsa scorrendo su appositi binari a circa mezzo metro sotto la superficie. Dalla botola, attraverso un pozzo verticale, si entra in un cunicolo-corridoio lungo circa nove metri che conduce alla stanza bunker munita di illuminazione elettrica, letti, cucina e bagno.

Della scoperta del bunker è stata informata la Dda di Reggio Calabria. Gli esperti della Polizia scientifica hanno effettuato accertamenti alla ricerca di tracce utili.

Guarda il video del bunker a Rosarno