Litiga con la moglie e viene accoltellato dai parenti di lei. Tre arresti

E' successo ieri sera a Ravagnaese, nel reggino. Padre e due figli, in carcere per tentato omicidio, avrebbero punito la vittima dopo il violento litigio con loro congiunta

Carlomagno campagna ottobre 2018
Da sinistra gli arrestati Antonio, Santo e Antonino Flaviano
Da sinistra gli arrestati Antonio, Santo e Antonino Flaviano.

Ha avuto una violenta lite con la moglie, dopo la quale si era allontanato per fare due passi e stemperare gli animi, ma quando ha fatto rientro a casa ad attenderlo c’erano i cognati e il suocero che prima l’avrebbero immobilizzato, poi picchiato e infine accoltellato. E’ successo nella serata di ieri a Ravagnese, centro in provincia di Reggio Calabria.

Gli agenti della Squadra mobile reggina, intervenuta sul posto insieme ai colleghi delle Volanti, dopo la ricostruzione dei fatti hanno arrestato con l’accusa di tentato omicidio Antonino, Santo e Antonio Flaviano, di 23, 32 e 67 anni, rispettivamente fratelli e padre della moglie della vittima, Carmelo Genovese, 39 anni.

L’uomo, dopo l’accoltellamento è stato soccorso e trasportato d’urgenza in ospedale dov’è stato sottoposto ad intervento chirurgico presso il reparto di chirurgia dei Riuniti e si trova ora in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

Gli investigatori intervenuti, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, hanno ricostruito la dinamica di quanto accaduto, nonché la presunta responsabilità dei tre appartenenti al nucleo familiare presenti al momento dell’aggressione. Sconosciute le cause del violento litigio tra Genovese e la moglie.

I tre arrestati dopo gli accertamenti di rito sono stati associati presso la casa circondariale di Arghillà in attesa del rito di convalida.