‘Ndrangheta in Toscana, 14 arresti e sequestri di beni

Carlomagno campagna ottobre 2018

'Ndrangheta in Toscana, 14 arresti e sequestri di beniMilitari dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Firenze stanno eseguendo, sull’intero territorio nazionale, una Ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale di Firenze nei confronti di numerosi soggetti ritenuti in affari con la ‘ndrangheta. Sono in corso di esecuzione provvedimenti di sequestro di imprese, beni immobili e disponibilità finanziarie. L’operazione si chiama “Valle d’oro”.

In corso un’altra operazione delle Dda di Reggio Calabria, condotta dalla Dia e dalle Fiamme gialle, (in codice “Martingala”), che ha portato al fermo di 27 persone e al sequestro di beni per un valore di 100 milioni di euro.

Nell’operazione Valle d’oro sono 14 i soggetti colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere (11) o domiciliare (3) emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Firenze su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di associazione per delinquere, estorsione, sequestro di persona, usura, riciclaggio ed autoriciclaggio, abusiva attività finanziaria, utilizzo/emissione di fatture per operazioni, trasferimento fraudolento di valori, aggravati del metodo mafioso.

I militari stanno eseguendo anche sequestri di imprese, beni immobili e disponibilità finanziarie, in Italia ed all’estero.

Sulle due operazioni è in corso una conferenza stampa a Firenze alla presenza del procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho.