Confiscati beni per 12 milioni a esponente clan

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019

Carabinieri confiscano a Roccella Jonica beni mobili ed immobili per un valore di circa 12 milioni di euro.Beni mobili e immobili per un valore di 12 milioni di euro sono stati confiscati all’imprenditore edile Domenico Frascà, di 56 anni, ritenuto contiguo alla cosca Mazzaferro di Gioiosa Jonica, e al suo nucleo familiare. Il decreto, disposto su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda), è stato eseguito dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria.

AI LETTORIPrima di proseguire la lettura, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook. Ci vuole un secondo :-)



Frascà, coinvolto nell’operazione “Crimine”, è stato indagato e successivamente condannato a due anni di reclusione per illecita concorrenza aggravata dal metodo mafioso, avendo, in concorso con altri, controllato e condizionato i lavori per la realizzazione di un tratto della statale 106.

Il provvedimento di confisca ha riguardato un villa di 11 vani con annesso garage a Roccella Jonica, quattro terreni, tre società operanti nel settore dell’edilizia, tre veicoli industriali, una moto, rapporti bancari, titoli obbligazionari e polizze assicurative.