Per Fratelli d’Italia scattano due seggi in Calabria, eletto Orsomarso

Carlomagno campagna ottobre 2018

Sanità, Ferro Tallini e Orsomarso: "Oliverio ammetta La disfatta"
Wanda Ferro e Fausto Orsomarso
“I riconteggi effettuati dalla Corte d’Appello di Catanzaro hanno deciso, come ritenevamo corretto, l’assegnazione a Fratelli d’Italia del seggio camerale nel collegio Calabria 2, che comprende le province di Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria, in cui ero candidata come capolista. La mia duplice elezione, sia nel collegio uninominale di Vibo Valentia che nella quota proporzionale, consente l’ingresso in Parlamento dell’amico Fausto Orsomarso, al quale vanno le mie più felici congratulazioni”. Lo comunica la parlamentare di Fratelli d’Italia Wanda Ferro

‘Si tratta per me di una enorme soddisfazione personale, – spiega – che conferma come la mia scelta di tornare nella ‘casa’ di Fratelli d’Italia sia stata premiata dai cittadini, che mi hanno dato, con la loro fiducia, la responsabilità di arrivare in Parlamento come rappresentante dell’intera Calabria. E’ quello che considero, come ho già detto, un riconoscimento per una storia politica e amministrativa fatta di coerenza, trasparenza e buona gestione della cosa pubblica. Ringrazio anche, per il loro impegno e il loro prezioso contributo, gli altri candidati di Fratelli d’Italia”.

“La conquista del secondo seggio, ottenuto grazie anche all’ottima percentuale del 5,06 per cento, superiore alla media nazionale, dà soprattutto ulteriore forza alla crescita di Fratelli d’Italia in Calabria, e rappresenta un importante viatico in vista della sfida ormai alle porte per dare un governo serio, capace e autorevole ad una Regione conclude Ferro – trascinata nel baratro dal fallimento del centrosinistra”.

Quando Orsomarso, oggi consigliere regionale, opterà per la Camera Giacomo Mancini, candidato sconfitto del Pd alle ultime politiche, subentrerà al posto di Orsonarso perché primo dei non eletti nella lista di Forza Italia. La Ferro, anche lei consigliere regionale, ha già fatto sapere che resterà fino all’ultimo giorno (sei mesi). Non è prevista la doppia indennità.