‘Ndrangheta, arrestato Leo Morabito. Espopriò terreno a vicino

L'uomo si era impossessato del fondo di un ingegnere e quando questi si era ribellato avrebbe mandato i sicari per un agguato in cui la vittima rimase ferita. In casa trovato un bunker

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

bunker Leo MorabitoI Carabinieri di Reggio Calabria, con il supporto dello Squadrone Cacciatori hanno arrestato Leo Morabito, detto “scassaporte”, 68 anni, di Africo Nuovo. L’arresto è avvenuto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal Gip presso il Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Procura distrettuale reggina poiché accusato di tentata estorsione aggravata, lesioni personali pluriaggravate in concorso, detenzione e porto illegale di arma da fuoco aggravato.

Il provvedimento scaturisce dalle indagini avviate dai Carabinieri di Bianco, sotto il coordinamento della Dda, a seguito del ferimento mediante colpi d’arma da fuoco patito, nel pomeriggio del 19 ottobre 2016 nelle campagne di contrada San Giorgio, a Bianco, ai danni di Francesco Lucà, ingegnere bianchese.

Specialista in gioventù nello sfondare porte e finestre, per cui si è guadagnato l’appellativo di “scassaporte”, Leo Morabito è diventato successivamente un elemento di spicco dell’omonima cosca di Africo ed è stato condannato nell’ambito dell’operazione “Tuareg” (1998) a 8 anni di reclusione per associazione mafiosa ed altri reati.

Da tempo Morabito aveva iniziato a rivendicare la proprietà di un terreno della famiglia Lucà, sito in contrada San Giorgio, ai confini con Africo Nuovo, adottando tipiche modalità mafiose, impossessandosene e addirittura recintandolo per poterne usufruire esclusivamente.

Nel momento in cui Francesco Lucà ha deciso di recarsi sul proprio fondo, per ripristinarne le condizioni originarie ed usufruirne secondo diritto, ne è scaturita una reazione violenta, anche questa condotta con le modalità tipiche della criminalità organizzata, concretizzatasi nel ferimento dell’ingegnere mentre stava lavorando su quel terreno, a bordo di un trattore.

Le indagini, condotte in un clima di profonda omertà e reticenza, hanno consentito di ricostruire con esattezza ogni passaggio della vicenda estorsiva, portando ad identificare il Morabito quale mandante del gruppo di fuoco – i cui componenti non sono ancora stati identificati – che ferì all’addome e ad una gamba l’ingegnere Lucà.

Nell’abitazione del Morabito, durante la perquisizione, è stato rinvenuto un bunker su cui sono in corso accertamenti. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, l’arrestato è stato condotto presso il carcere di Reggio Calabria “G. Panzera”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM