Seggio a rischio per Salvini in Calabria, c’è il ricorso di una forzista

Lo ha presentato Fulvia Michela Caligiuri, di Forza Italia, alla Giunta per le elezioni del Senato. La candidata contesta irregolarità. Il precedente di Fausto Orsomarso

Carlomagno Jeep Compass Febbraio 2021
Matteo Salvini quirinale
Matteo Salvini al termine delle consultazioni al Quirinale

Il seggio senatoriale ottenuto in Calabria dal leader della Lega Matteo Salvini sarebbe a rischio a causa di alcuni presunti errori nella compilazione dei verbali elettorali della Corte d’appello di Catanzaro.

Lo scrivono alcuni quotidiani a seguito del ricorso presentato alla Giunta per le elezioni del Senato da Fulvia Michela Caligiuri, candidata al secondo posto nel listino proporzionale di Forza Italia. I difensori della candidata, gli avvocati Oreste e Achille Morcavallo, “chiedono il riconteggio dei voti al fine di ottenere la proclamazione alla carica di senatore della loro assistita e la consequenziale decadenza del leader della Lega Matteo Salvini”.

Nel ricorso si parla di “gravi irregolarità nel dato complessivo conseguito da Caligiuri”; presentata una relazione in cui si parla di “notevole divario tra i voti effettivamente conseguiti e i risultati dei verbali”.Salvini è stato eletto anche in altri collegi, ma ha dovuto scegliere la circoscrizione in cui la Lega ha ottenuto il quoziente minore.

C’è stata una gran confusione nel riconteggio dei verbali presso la corte catanzarese. Nelle scorse settimane altri errori erano stati contestati da Forza Italia per l’elezione, già sancita dalla Cassazione, di Fausto Orsomarso, di Fratelli d’Italia. La Corte, secondo quanto è emerso, su esposto degli azzurri, ha riconteggiato i verbali delle sezioni elettorali assegnando poi il seggio alla berlusconiana Maria Tripodi. Anche Orsomarso, da quanto appreso, starebbe per presentare esposti agli organi competenti per avere un quadro chiaro di quanto è successo nella sua vicenda.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM