Autobomba a Limbadi, Mangialavori (FI): “Un atto terroristico-mafioso”

"Azioni così eclatanti fanno piombare il territorio vibonese in un contesto di guerra rispetto al quale cittadini, istituzioni e forze dell'ordine devono mantenere alta l'attenzione"


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

bomba auto Matteo Vinci Limbadi“Esprimo la più ferma e decisa condanna dell’atto terroristico-mafioso che ha portato alla morte del giovane Matteo Vinci e al ferimento del padre. Azioni così eclatanti fanno piombare il territorio vibonese in un contesto di guerra rispetto al quale cittadini, istituzioni e forze dell’ordine devono mantenere alta l’attenzione”. Lo dichiara il senatore vibonese di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori.

“L’autobomba di Limbadi – continua il parlamentare azzurro – dimostra che la ‘ndrangheta ha ormai alzato il livello e non esita a portare avanti azioni dimostrative cruente pur di ribadire il suo controllo del territorio. Aspetteremo le risultanze investigative per analizzare meglio il fenomeno”.

“L’attentato di Limbadi – conclude Mangialavori – fa tornare indietro di decenni l’intera provincia di Vibo e ci rammenta quella stagione delle stragi di mafia da cui l’Italia è tuttavia uscita vittoriosa. Noi continueremo quindi ad avere la fiducia più piena nei confronti dell’azione delle forze dell’ordine e della magistratura, che troveranno il modo per punire severamente i colpevoli di questo omicidio”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM