‘Ndrangheta nel Cara di Isola, a processo 39 persone

C'è anche il parroco don Scordio. Altre 81 persone, tra cui Leonardo Sacco, ex capo della "Misericordia" che gestiva il Centro d'accoglienza, saranno giudicate con l'abbreviato.


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

processo aula di tribunaleIl gup di Catanzaro, Carmela Tedesco, ha rinviato a giudizio 39 persone coinvolte nell’inchiesta “Jonny” della Dda di Catanzaro che ha svelato l’infiltrazione delle cosche di ‘ndrangheta crotonesi nella gestione del Centro d’accoglienza di Isola Capo Rizzuto (Crotone).

Tra i rinviati a giudizio, per i quali l’inizio del processo è stato fissato per il prossimo 25 luglio, il parroco di Isola, don Edoardo Scordio, che, secondo l’accusa, avrebbe favorito la distrazione dei fondi destinati alla gestione del Centro di accoglienza in favore delle cosche di Isola.

Altre 81 persone, tra cui Leonardo Sacco, l’ex governatore della Misericordia di Isola Capo Rizzuto che gestiva il Centro d’accoglienza, saranno giudicate con rito abbreviato. Il processo per loro inizierà l’11 giugno. I reati contestati, a vario titolo, sono, tra l’altro, associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello Stato e truffa aggravata.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb