Sparatoria nel Vibonese, due morti e tre feriti. Caccia spietata al killer

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Un elicottero impegnato nelle ricerche del killer nel Vibonese
Un elicottero impegnato nelle ricerche del killer nel Vibonese (Ansa)

Sale a due il bilancio delle sparatorie nel Vibonese. Dopo Michele Valarioti, di 63 anni, ucciso in un bar di Nicotera è morta anche la donna che era stata ferita, Giuseppina Mollese, di 69 anni. La donna, trasportata in gravi condizioni all’ospedale di Catanzaro, è morta in sala operatoria mentre i medici stavano per intervenire per una grave ferita all’addome. Ci sono tre feriti.

Le sparatorie sono avvenute nel pomeriggio in due distinte località del vibonese, Limbadi e Nicotera, ad opera della stessa persona è attivamente ricercata dai carabinieri. Valarioti è stato ucciso a colpi di fucile a Nicotera nei pressi della sua casa. Nello stesso paese era stata ferita Giuseppina Mollese.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

In precedenza, a Limbadi, tre persone, una delle quali imparentata con la vittima, erano state ferite in un bar. Nel caso di Limbadi, secondo una prima ricostruzione, l’individuo è arrivato a bordo della propria autovettura. Quindi è sceso imbracciando un fucile da caccia ed ha esploso un colpo sull’uscio del locale e un secondo all’interno, ferendo tre persone.

Dopo di che si è allontanato, sempre a bordo della propria vettura, dileguandosi. L’uomo avrebbe agito a volto scoperto e avrebbe una trentina d’anni. Da Limbadi, sempre secondo una prima, frammentaria, ricostruzione, sarebbe andato a Nicotera dove ha sparato a Valarioti e alla donna che abitava ad un centinaio di metri dalla vittima. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Tropea e del Comando provinciale di Vibo Valentia.

L’auto utilizzata dall’omicida, una Fiat Panda, è stata successivamente trovata nella campagne di Limbadi. L’individuo è scappato a piedi nelle campagne. Nella zona è scattata immediatamente una vasta battuta dei carabinieri per rintracciarlo e bloccarlo. L’autore del duplice delitto, a Nicotera, è passato a piedi davanti ad un liceo imbracciando il fucile. L’uomo, infatti, è andato a casa di Giuseppina Mollese, e le ha sparato un colpo di fucile ferendola gravemente all’addome.

Quindi, a piedi, ha percorso circa 200 metri, passando davanti alla scuola, ed è andato a casa di Michele Valarioti, di 63 anni, uccidendolo. A Limbadi, invece, l’omicida ha sparato in un bar contro tre persone, Pantaleone D’Agostino, Pantaleone Timpano e Francesco di Mundo. Uno dei tre sarebbe ferito gravemente al volto.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM