Domani si vota in 49 comuni calabresi. Non ci sarà San Luca

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

elezioni comunaliDa Locri e Cariati, i più popolosi anche se non al punto da consentire il turno di ballottaggio, alla new entry Casali del Manco, nata dalla fusione di quattro comuni del cosentino: sono 49 i centri calabresi dove domenica 10 giugno si tornerà alle urne per l’elezione del sindaco e del Consiglio comunale.

Saranno chiamati ad esprimersi, in particolare, gli elettori di 12 centri della provincia di Catanzaro, 16 del cosentino, 4 del crotonese, 11 del reggino e 6 del vibonese. Niente urne, anche per questa tornata, a San Luca dove non si elegge un sindaco dal 2013, quando il Comune venne sciolto per infiltrazioni mafiose.

Nessuna lista è stata presentata in vista della prossima tornata elettorale nella comunità amministrata da un commissario prefettizio. Matricola del voto è Casali del Manco, in provincia di Cosenza, nato il 5 maggio del 2017 dalla fusione dei preesistenti municipi di Casole Bruzio, Pedace, Serra Pedace, Spezzano Piccolo e Trenta.