Omicidio Sacko, i carabinieri cercano l’arma del delitto

I cacciatori di Calabria stanno rastrellando l'area in cui è avvenuto il delitto del migrante maliano ucciso a fucilate lo scorso 2 giugno

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

operazione cacciatori viboI carabinieri della Compagnia di Tropea e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria hanno effettuato, tra ieri ed oggi, numerose perquisizioni e rastrellamenti nelle aree limitrofe al luogo in cui è stato ucciso il migrante Soumalya Sacko.

L’obiettivo, a seguito del fermo d’indiziato di delitto a carico di Antonio Pontoriero, è il ritrovamento dell’ultimo tassello relativo alla all’omicidio di Sacko, e cioè l’arma del delitto, e specificatamente del fucile di tipo caccia che sarebbe stato utilizzato da Pontoriero per sparare i colpi che hanno provocato la morte del migrante maliano.

Le ricerche, ancora in corso, secondo quanto riferiscono i carabinieri, vedono come protagonisti proprio i “Cacciatori” di Calabria, che possiedono l’addestramento e competenze specifiche proprio nell’ambito della ricerca di armi e di rastrellamenti di intere porzioni di territorio.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB