Scoperto nel porto di Gioia Tauro un carico con 17 kg di cocaina

La droga, purissima, se immessa nel mercato della criminalità poteva fruttare oltre 3,5 milioni di euro

Carlomagno campagna Jeep Compass dicembre 2018

finanza cocaina porto gioia tauroLa Guardia di finanza di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Gioia Tauro, hanno individuato e sequestrato un carico di 17 Kg di cocaina purissima nello scalo portuale calabrese.

La droga è stata rinvenuta all’interno di un contenitore che trasportava semi di girasole, proveniente dal porto argentino di Buenos Aires e destinato in Libia. Stavolta l’“oro bianco” era suddiviso in 16 panetti, occultati dai narcos in modo da essere recuperati celermente durante il viaggio.

Nel complesso, sono stati eseguiti una serie di incroci documentali e controlli fisici, anche a mezzo di sofisticate apparecchiature scanner, che hanno permesso di selezionare il container “positivo”.

Il commercio di cocaina, che costituisce una grave piaga sociale con danni elevatissimi per la salute di chi assume questa sostanza, genera inoltre enormi introiti illeciti con gravissime ripercussioni sull’intera comunità, atteso che tali flussi di denaro vengono poi reinvestiti nell’economia legale.

Il carico di cocaina avrebbe infatti fruttato la considerevole somma di almeno 3 milioni e mezzo di euro alle organizzazioni criminali di stampo ‘ndranghetistico che operano nel settore.

I margini di guadagno per le ‘ndrine sono elevatissimi: 1 kg di sostanza stupefacente può essere infatti tagliata anche fino a 4 volte prima di essere immessa sul mercato delle piazze di spaccio di tutta Italia ad un prezzo che oscilla dai 50 ai 100 euro al grammo. Fiamme Gialle ed Agenzia delle Dogane e dei Monopoli continuano senza sosta l’attività di contrasto ai traffici illeciti, in particolare quello di cocaina proveniente dal centro e sud America.