Lucano da Fazio, ira della Lega: “Rai non può divulgare modelli sbagliati”

Carlomagno campagna novembre 2018

Domenico Lucano tv“Domenica 21 ottobre il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, sarà ospite di Fazio a “Che tempo fa”. Nonostante la revoca agli arresti domiciliari è evidente come Lucano sia accusato di aver violato norme civili, amministrative e penali sull’accoglienza. Chiediamo quindi che Fazio non chiami il sindaco in trasmissione. La tv pubblica non può divulgare modelli distorti sull’onda di strumentalizzazioni ideologiche. Sulla questione prepareremo, inoltre un’interrogazione in commissione di vigilanza Rai”.

Lo dichiarano i parlamentari della Lega membri della commissione di vigilanza Rai, Paolo Tiramani, Massimiliano Capitanio, Simona Pergreffi, Dimitri Coin, Igor Iezzi, Giorgio Maria Bergesio e Umberto Fusco.

“Rassegnatevi: i partiti non possono e non devono decidere chi può e chi non può essere ospite di una trasmissione. Come non devono mettere bocca sui sommari dei tg. O peggio sui direttori di reti e testate”. E’ quanto affermano in una nota congiunta Fnsi e Usigrai, rispettivamente Sindacato dei giornalisti italiani e Sindacato dei giornalisti della Rai.

“Siamo certi – prosegue la nota dei sindacati – che nessuno in Rai cederà al veto dei parlamentari della Lega su Domenico Lucano. La soluzione non è mai cancellare. Ma semmai aumentare le occasioni di ascolto, di confronto e di dibattito. È di questo che si nutre la democrazia liberale”.