Le mani della ‘ndrangheta sul traffico di droga, 14 arresti

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

spaccio droga milanoE’ di 14 arresti il bilancio di un’operazione dei carabinieri di Corsico nelle province di Milano, Como e Reggio Calabria su mandato del gip del Tribunale di Milano su richiesta della locale procura, che contesta associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Si tratta di soggetti italiani e marocchini, di cui quattro già detenuti. L’operazione è denominata “Quadrato”.

Le indagini, condotte nel periodo ottobre 2017 – giugno 2018, mediante osservazioni, pedinamenti e intercettazioni (telefoniche e ambientali), nonché telecamere installate in maniera occulta, hanno consentito di individuare e disarticolare un sodalizio criminale dedito al traffico di ingenti quantitativi di stupefacenti, prevalentemente cocaina, operante nel sud-ovest della provincia di Milano, costituito ed organizzato da 4 fratelli Barbaro, ritenuti contigui per legami di parentela alla locale ‘ndrina “Papalia-Barbaro”.

L’attività investigativa scaturisce da servizi preventivi di controllo del territorio che hanno interessato l’area popolare “Quadrato”, sita tra le vie IV Novembre e Resistenza di Corsico, quartiere dove vi sono numerosi esercizi commerciali gestiti da cittadini extracomunitari e in cui si ritrovano quotidianamente pregiudicati e assuntori di sostanze stupefacenti.

Gli elementi probatori acquisiti, spiegano gli inquirenti, hanno permesso di accertare il reato associativo, con preciso organigramma e specifica suddivisione dei ruoli tra gli affiliati legati daun solido vincolo,volto alla gestione dell’intera filiera illegale del commercio di sostanze stupefacenti, con particolare riguardo al rifornimento all’ingrosso; l’individuazione di luoghi da adibire a deposito per lo stoccaggio temporaneo; l’attività di lavorazione e taglio; l’organizzazione di vendita al dettaglio delle dosi attraverso una rete di sub-spacciatori (di origine magrebina).

Nel corso dell’indagine, al fine di riscontrare le responsabilità penali dei singoli associati, sono stati operati 4 arresti in flagranza ed il sequestro di oltre 1 kg di cocaina e 1,2 kg di hashish.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER