Morte Massimo Marrelli, Oliverio: “Sono sconvolto”. Le prime reazioni

Carlomagno campagna novembre 2018
Massimo Marrelli
Massimo Marrelli

Sulla tragedia di Isola Capo Rizzuto, in cui per una frana sono morti tre operai e l’imprenditore Massimo Marrelli sono numerose le reazioni di sconcerto per la tragedia e cordoglio alle famiglie delle vittime. Il Presidente della Regione Mario Oliverio si dice “letteralmente sconvolto”.

“Quattro vite umane travolte rappresentano un prezzo troppo grande”, ha detto Oliverio. “Alle famiglie colpite da questo tremendo lutto giungano le mie più sentite condoglianze. Ho sentito Antonella Stasi, moglie dell’imprenditore Massimo Marrelli. Gli ho espresso il mio cordoglio per la morte di Massimo, un imprenditore di successo che con la sua vulcanica energia, il suo lavoro e la sua determinazione ha realizzato tanto”.

“È orribile la tragedia di Crotone”, lo scrive sui social Annamaria Furlan, segretario nazionale della Cisl, commentando la frana killer che ha inghiottito le vite di tre operai e dell’imprenditore Massimo Marrelli. “La sicurezza sul lavoro e la tutela del territorio – spiega Furlan – devono diventare una delle priorità del Paese. La Cisl esprime la sua vicinanza ed il suo cordoglio alle famiglie che hanno perso i loro cari ed a tutta la comunità calabrese ancora una volta colpita da un lutto terribile”.

“Siamo tutti profondamente addolorati e turbati. Ma basta parlare di fatalità. Dobbiamo fermare questa continua carneficina nei luoghi di lavoro con il rispetto delle norme, i controlli ed una azione costante di prevenzione. Ma bisogna affrontare anche la questione della manutenzione del territorio che provoca ogni anno tragedie ed immensi danni in tante zone del nostro paese per l’incuria delle istituzioni”.

Sul dramma la Protezione civile regionale ha fatto sapere che nei lavori nella villa di Marrelli “c’è stato un incauto sbancamento”.

Sulla morte di Marrelli e degli operai c’è sconcerto e incredulità. Persona stimata da tutti, Marrelli era a capo dell’omonimo gruppo che guidava con la moglie Antonella Stasi, ex vicepresidente della Giunta regionale ai tempi del governatore Scopelliti.

I suoi interessi imprenditoriali spaziavano dalla Sanità – suo il noto Marrelli Hospital di Crotone -, all’editoria e ad altri settori che lo vedevano impegnato con grande entusiasmo e amore per la sua terra. Editore dell’emittente regionale, Esperia Tv, lascia un ricordo indelebile per quanti hanno lavorato con lui e per chi si occupa di informazione in Calabria.

Il presidente, il direttore responsabile, i componenti tutti di “Informazione e Comunicazione” (I&C) si uniscono al cordoglio per la tragica scomparsa dell’Editore di EsperiaTv Massimo Marrelli, travolto da una frana insieme a tre operai all’interno della propria residenza. I componenti di I&C hanno avuto modo di conoscere l’editore Marrelli in più circostanze, rilevando cordialità, professionalità, umiltà, e amore per la propria terra.
I&C, nell’esprimere vicinanza alla famiglia Marrelli, sospenderà le attività per le prossime 24 ore.

Anche il mondo del vino subisce, con la tragedia di Isola Capo Rizzuto, la grave perdita
di un imprenditore illuminato creatore di un’azienda-modello, la Marrelli Wines, che tra
l’altro ha il merito di aver ridato vita alla Doc ‘Isola Capo Rizzuto’ salvandola dal rischio-estinzione”.

E’ quanto ha dichiarato la presidente dei Sommelier dell’AIS- Calabria, Maria Rosaria Romano, aggiungendo: “I sommelier calabresi si stringono alla famiglia ed all’azienda partecipando il loro dolore, ricordando il coraggio e la passione che Massimo Marrelli ha impiegato nei vigneti, che ha voluto a conduzione biologica, e nella cantina che ha seguito con evidente entusiasmo insieme a suoi collaboratori. Un impegno di qualità, testimoniato anche dai lusinghieri successi delle sue etichette”.

“Uno sconforto immenso è per me la morte di quattro persone a Isola Capo Rizzuto”, dice la consigliera regionale Flora Sculco sulla tragedia. “Più avanti – spiega – ci sarà modo di discutere sulle emergenze idrogeologiche che squassano il territorio lasciando i cittadini in perfetta solitudine. Questo è il momento del dolore e della solidarietà che deve vederci tutti accanto alle famiglie straziate dalla tragedia. E’ una notizia terribile la vita spezzata di quattro persone, che provoca tristezza in tutta l’area del Crotonese e nella Calabria intera. Alle famiglie di Massimo Marrelli, Santo Bruno, Ennio Colacino e Mario Cristofaro porgo le mie più sentite condoglianze”, ha concluso Sculco.

Il sindaco di Crotone Ugo Pugliese ha proclamato il lutto cittadino per il giorno dei funerali delle vittime della tragedia della notte scorsa a Isola capo Rizzuto. “Una tragedia immane. Provo – ha affermato Pugliese – un dolore profondo. Piango la morte di quattro persone. Sono sconvolto, addolorato e con me tutta la comunità cittadina”, ha detto Pugliese.