Arrestato a San Luca il latitante Antonio Callipari

Legato per vincoli di parentela alla cosca dei Nirta “Versu” di San Luca, era ricercato per traffico di droga. Nel 2017 minacciò una troupe di Rai 3

Black Friday Carlomagno novembre 2018
arresto di Antonio Callipari
L’arresto di Antonio Callipari

I Carabinieri del Gruppo di Locri, coadiuvati dai militari dai Cacciatori di “Calabria”, hanno arrestato il latitante Antonio Callipari, di 25 anni, ricercato dal settembre del 2017, è sfuggito all’esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Milano nell’ambito dell’indagine denominata “Ignoto 23”, coordinata dalla Procura distrettuale di Milano e ordinaria di Monza, e finalizzata alla disarticolazione di una vasta organizzazione dedita al traffico di stupefacenti ed altri reati.

L’uomo ha tentato la fuga dal retro dell’abitazione in cui si nascondeva, ma è stato bloccato. Per Callipari è stato l’ultimo atto di una latitanza durata oltre un anno, durante la quale per i suoi spostamenti il giovane latitante utilizzava documenti contraffatti, rinvenuti dai Carabinieri tra i suoi effetti personali. Espletate le formalità di rito, Antonio Callipari è stato condotto presso il carcere di Reggio Calabria a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il latitante, considerato il promotore delle attività illecite dell’organizzazione, che peraltro ha commesso i traffici nella costante disponibilità di armi, coordinava gli approvvigionamenti di cocaina ed altre sostanze stupefacenti dalla Calabria alla Lombardia, mediante l’utilizzo di apposite auto con doppio fondo in grado di movimentare fino a 50 kg di cocaina alla settimana.

Nell’ambito delle indagini sono stati inoltre documentati numerosi viaggi sull’asse Milano-San Luca che consentivano il rientro alla “base” di ingenti capitali provento dei traffici illeciti. Proprio a seguito dell’arresto, infatti, a conferma delle citate risultanze investigative, la perquisizione svolta presso il domicilio del latitante a San Luca ha consentito di confermarne le elevate disponibilità economiche con il rinvenimento e contestuale sequestro di circa 80.000 euro in danaro contante.

Callipari, dal marzo del 2018, è stato inoltre colpito da un altro provvedimento cautelare, stavolta emesso dal Tribunale di Locri, sulla base del quale – a seguito delle indagini condotte dai Carabinieri sotto la direzione della Procura di Locri – dovrà rispondere dei reati di minaccia aggravata e tentata rapina commessi in concorso con altre persone nel maggio dell’anno precedente, in danno di una troupe di Rai 3 che si trovava a San Luca per delle riprese. “Non tornate più a San Luca se no siete morti”, aveva intimato Callipari ai tre malcapitati reporter dopo aver tentato di rapinare loro un cellulare per impedire un’eventuale chiamata di soccorso e dopo numerose altre minacce per indurli a spegnere le telecamere e cancellare i filmati. La coraggiosa troupe, tuttavia, quel giorno riuscì a fuggire indenne dal paese e a mandare in onda tutti i filmati nella puntata di Presadiretta del 25 settembre 2017, consentendo così l’avvio delle indagini dei militari di San Luca.