Traffico milionario di rifiuti speciali, 38 indagati e sequestri

Carlomagno campagna Jeep Compass dicembre 2018

sequestro ditta ferrosud rifiutiUn traffico illecito di rifiuti speciali – con base operativa nell’area ionica reggina e un giro di affari stimato in diversi milioni di euro – è stato sgominato dai carabinieri nell’ambito di un’operazione condotta con il coordinamento della Dda di Reggio Calabria.

L’operazione, denominata “Dirty iron”, che ha visto impegnati il Gruppo Carabinieri Forestale e il Comando provinciale dell’Arma, ha portato al sequestro di due aziende, la Ferro Sud srl e la Locafer srl di Siderno, operanti nel settore dei rifiuti speciali. Trentotto sono gli indagati.

L’indagine, avviata nel 2012 e compendiata nelle informative del Nucleo investigativo di Polizia ambientale, agroalimentare e forestale dei carabinieri di Reggio, del Compartimento Polizia ferroviaria e del Gruppo carabinieri di Locri, ha consentito di individuare nella ditta Ferro Sud il fulcro del traffico illecito di rifiuti speciali al quale hanno contribuito numerosi soggetti terzi.

Alla ditta, spiegano gli inquirenti, hanno fornito un concreto e sistematico contributo numerosi soggetti terzi, anch’essi denunciati per traffico di rifiuti in concorso con gli amministratori delle Ditte gravate dagli odierni provvedimenti di sequestro.

Le indagini hanno consentito di rilevare come, presso il sito della ditta Ferro Sud giungessero quotidianamente ingenti quantità di rifiuti speciali conferiti sia da Ditte (molte delle quali sprovviste della dovuta iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali), sia da soggetti privati.

Molti dei conferimenti in entrata di rifiuti alla sede aziendale non risultavano essere mai stati annotati negli appositi registri di carico, con inevitabile pregiudizio alla tracciabilità dei rifiuti stessi. Gli ingenti quantitativi di rifiuti, provenienti anche da raccoglitori ambulanti e da soggetti non autorizzati a svolgere attività di raccolta e trasporto, venivano conferiti alla Ditta dietro corrispettivo in denaro, quantificato in base alla tipologia e al peso del rifiuto consegnato, per poi essere destinati ad altri cicli produttivi, senza subire alcun preliminare trattamento di recupero.

Dalle risultanze investigative è emerso che le ditte colpite dall’odierno provvedimento di sequestro fossero prive dei presidi tecnologici necessari al recupero dei rifiuti metallici al cui trattamento risultavano autorizzate.

I rifiuti, tali e quali, anche contaminati da sostanze pericolose, venivano così avviati ad
altri comparti produttivi, andando ad inficiare la qualità del prodotto finale di settori strategici dell’industria nazionale, oltre a costituire fonte di pericolo per la salute pubblica.

Un giro di affari di svariati milioni di euro è quello che gravita intorno ai traffici di rifiuti speciali. Un’operazione che ha condotto al sequestro, disposto dal sostituto procuratore Antonella Crisafulli e dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, delle ditte Ferro sud e Locafer di Siderno, unitamente ai relativi beni aziendali e ai conti correnti bancari, nonché ad ulteriori sedici misure cautelari reali eseguite nei confronti di soggetti implicati, a vario titolo, nella vicenda.