Il premier Giuseppe Conte per la prima volta in Calabria

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

presidente del Consiglio Giuseppe ConteVenerdì visita del presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, in Calabria e in Campania. Il premier è arrivato stamani nella Prefettura di Reggio Calabria, prima tappa della visita che effettuerà nella regione. Conte è stato accolto dal prefetto Michele di Bari, dal presidente della Regione, Mario Oliverio, e dal sindaco della Città metropolitana, Giuseppe Falcomatà.

“Voglio dire che a questo viaggio tenevo molto”, ha detto Conte ai giornalisti entrando in Prefettura. Conte, subito dopo il suo arrivo, nell’atrio del Palazzo del Governo, ha apposto la sua firma, con accanto il prefetto Michele di Bari, sul “Registro per la cittadinanza consapevole”.

Conte, secondo quanto si è appreso, oltre al presidente della Regione, Mario Oliverio, e al sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, incontrerà i Procuratori della Repubblica di Reggio Calabria e di Palmi, Giovanni Bombardieri ed Ottavio Sferlazza, alla presenza del Questore, Raffaele Grassi, e dei comandanti regionali e provinciali dei carabinieri e della Guardia di finanza.

Dopo Reggio Calabria alle 11.40, Conte sarà a Locri con una visita all’ostello Locride, confiscato alla ’ndrangheta (Traversa 3 via G. Garibaldi). A seguire un incontro con la stampa. Alle 12.15, sempre a Locri è prevista una sosta davanti l’abitazione di Francesco Fortugno, vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria ucciso dalla ‘ndrangheta il 16 ottobre 2006.

Alle ore 12.50, il premier sarà a Isola di Capo Rizzuto dove visiterà i terreni confiscati alla ‘ndrangheta (Strada provinciale 48, località Cardinale). Nel pomeriggio il presidente del Consiglio si recherà a Napoli, in Campania.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER