Duplice omicidio a Davoli, movente passionale. Ex marito della donna in caserma

Rintracciato il fratello del marito defunto di Francesca Petrolini. La donna ci aveva allacciato una relazione ma poi frequentava l'altro uomo freddato a Davoli

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Rocco Bava Francesca Petrolini
Rocco Bava e Francesca Petrolini (fb)

I carabinieri, dopo una nottata di ricerche, hanno rintracciato l’ex convivente di Francesca Petrolini, la donna di 53 anni uccisa ieri in Calabria insieme al nuovo compagno, Rocco Bava, di 43, nella tabaccheria a Davoli Superiore, Catanzaro.

Si tratta di un 67enne, G.G., che sarebbe il cognato della donna. Da quanto trapela, dopo essere rimasta vedova, Francesca Petrolini, avrebbe allacciato una relazione con il fratello del marito. Il movente potrebbe essere quindi passionale.

Il presunto assassino sarebbe stato trovato a casa di un amico, sempre a Davoli. L’uomo è stato portato in caserma per l’interrogatorio. Al momento non ci sarebbero provvedimenti. (E’ stato poi fermato e reso confessione)

L’agguato domenica nel tardo pomeriggio quando la coppia, Bava e Petrolini si trovava nell’esercizio di proprietà di quest’ultima. Il killer è entrato freddando prima la donna, che è morta sul colpo, poi ha raggiunto il “rivale in amore” colpendolo a morte con alcuni colpi di arma da fuoco. A seguire le indagini, i carabinieri di Soverato e di Catanzaro, coordinati dalla procura di Catanzaro.

L’uomo, secondo quanto si è appreso, non avrebbe accettato la fine della relazione e aveva iniziato a perseguitare Francesca Petrolini arrivando a minacciarla. Intanto, i carabinieri hanno accertato che a sparare è stata una persona ma con due armi, un fucile ed una pistola 7,65.

La donna è stata raggiunta da 2 colpi al torace e l’uomo da 3 al torace ed uno alla testa. Gli investigatori hanno accertato che Bava non ha tentato la fuga ma è stato ferito mortalmente nel locale e poi si è trascinato fuori.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER