Svolta nelle indagini per un omicidio di ‘ndrangheta, arrestati killer e mandante

Carlomagno campagna Jeep Renegade gen 19

Ros Carabinieri
I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Como hanno arrestato due persone ritenute responsabili dell’omicidio di Franco Mancuso, avvenuto in Lombardia l’8 agosto 2008. Si tratta di Bartolomeo Iaconis, 60enne originario di Giffone (Reggio Calabria) e Luciano Rullo, 51enne nato a Como. Il primo sarebbe il mandante, il secondo l’esecutore materiale. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del tribunale di Milano su richiesta della locale DDA.

Il delitto era stato consumato in pieno giorno nel bar Arcobaleno di Cadorago (Como), alla presenza di diversi clienti. Mancuso venne colpito a morte con alcuni colpi di pistola in un agguato tipico di mafia.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori il movente sarebbe riconducibile ad una reazione punitiva. Mancuso avrebbe osato offendere pubblicamente Iaconis al culmine di una lite. Una offesa che evidentemente andava lavata col sangue.

Iaconis, già condannato per associazione mafiosa nonché ritenuto esponente di spicco del Locale di ‘ndrangheta di Fino Mornasco (Como), per ritorsione allo sgarbo subito avrebbe così deciso di eliminare Mancuso incaricando Rullo che, secondo l’accusa, avrebbe agito per una sorta di solidarietà criminale.