Truffa all’Inps e all’Unione europea, indagate a Locri 67 persone

Tra le accuse truffa e indebita percezione di contributi. Danno erariale per 500mila euro. Tra le persone coinvolte anche esponenti di spicco di cosche della 'Ndrangheta

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019

Truffa all'Inps e all'Unione europea, indagate a Locri 67 persone I Carabinieri della Compagnia di Locri hanno denunciato in stato di libertà 67 persone, ritenute responsabili a vario titolo di concorso in falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e truffa aggravata e continuata e indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.

I militari hanno passato al setaccio le attività degli ultimi tre anni di 3 aziende agricole, cui facevano capo, complessivamente, 64 dipendenti. Dal confronto fra documenti e dichiarazioni rilasciate dai presunti lavoratori, sono emerse numerose incongruenze che evidenziano come tutti i rapporti di lavoro siano stati denunciati al solo fine di far percepire ai soggetti interessati indebite prestazioni assistenziali e previdenziali erogate dall’Inps, oltre che per ottenere finanziamenti europei, con un danno erariale di oltre 500 mila euro.

Questo, infatti, lo scenario ricostruito dall’Arma dopo oltre un anno di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Locri: agricoltori che non conoscono l’ubicazione o la conformazione di terreni sui cui avrebbero lavorato per anni; lavoratori che attestano l’impiego in terreni privi di colture; operai alle dipendenze di datori di lavoro e con colleghi di cui non ricordano i nomi; assenza di documentazione sulle attività imprenditoriali delle aziende; terreni incolti che sulla carta risultano floridi vigneti e uliveti.

Fra gli iscritti nel registro degli indagati anche diversi pregiudicati, alcuni dei quali ritenuti soggetti di spicco di alcune importanti ‘ndrine che operano nella Locride, specificatamente a Platì. Gli inquirenti non escludono ulteriori sviluppi investigativi finalizzati a verificare il grado di condizionamento esercitato dalla criminalità organizzata.

L’odierna attività, spiegano una nota, è la naturale prosecuzione di quella già definitatra il 2017 ed il 2018 che ha portato alla denuncia di oltre 1700 persone e all’accertamento di oltre 12.000 di euro di somme indebitamente percepite, in attività congiunta fra Carabinieri e Guardia di Finanza di Locri.