Roccabernarda, furti e ricettazioni: 10 Indagati

Carlomagno campagna Fiat 500 aprile 2019

Roccabernarda, furti e ricettazioni: 10 Indagati
I Carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro e quelli della Stazione di Roccabernarda hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone nell’ambito del procedimento penale iscritto a seguito di uno stralcio dell’operazione «Trigarium» (eseguita lo scorso 30 luglio e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro), a dieci indagati, di cui cinque già detenuti nell’ambito della citata operazione antimafia.

L’operazione, coordinata dalla Procura di Crotone, ha evidenziato l’esistenza, sul territorio di Roccabernarda di un’associazione per delinquere parallela a quella di tipo mafioso, che, tra luglio e novembre 2014, ha commesso numerosi furti e ricettazioni di bestiame, prodotti e attrezzature agricole, ai danni di 13 agricoltori e tre aziende.
Secondo l’accusa a capo delle associazioni, pur distinte, ci sarebbe Antonio Santo Bagnato.