Locride, trovate pistole, fucili a canne mozze e munizioni: un arresto

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

armi pantano fucili locrideUna persona arrestata e numerose armi e munizioni sequestrate: è questo il risultato di un servizio di controllo del territorio disposto dal Gruppo carabinieri di Locri nella frazione Azzuria di Gerace.

I carabinieri della Compagnia di Locri, insieme a quelli della Stazione di Gerace e dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno arrestato Domenico Antonio Panetta, di 61 anni, accusato di ricettazione e detenzione di armi clandestine e munizioni.

Nel corso di una perquisizione nell’abitazione dell’uomo, i militari hanno trovato una pistola cal. 7,65 con matricola punzonata completa di caricatore con 8 colpi del medesimo calibro, una pistola cal. 22, anch’essa con matricola punzonata e priva di caricatore e circa 150 cartucce.

Durante la stessa operazione, in un rastrellamento effettuato in un’altra area circostante, in un terreno demaniale sono stati trovati 2 fucili a canne mozze cal. 12, entrambi con matricola punzonata e circa 360 cartucce cal. 12 caricate a pallini.