Omicidio Falvo a Miglierina, ha confessato Giuseppe Arabia. Giallo sul movente


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Ha confessato Giuseppe Arabia, il trentenne fermato stanotte con l’accusa di aver ucciso a coltellate, a Miglierina, nel Catanzarese, il 50enne Cesare Falvo, raggiunto all’addome da un fendente sferrato con un coltello da sub.

Cesare Falvo è morto poco dopo il trasporto in ospedale. Era in condizioni disperate e a nulla sono valsi i tentativi dei medici di salvargli la vita.

L’omicidio è avvenuto intorno alle 21 di venerdì nei pressi dell’abitazione della vittima, al culmine di una violenta discussione le cui origini sono al vaglio dei carabinieri di Catanzaro e di Marcellinara.

Secondo quanto ricostruito, il presunto autore, individuato appunto in Arabia, 30enne già noto alle forze dell’ordine, si è presentato davanti l’abitazione di Falvo, a quell’ora in casa con la compagna, per discutere di qualcosa. Un diverbio molto acceso culminato poi con l’accoltellamento.

Secondo testimonianze rese agli investigatori, Arabia dopo l’aggressione mortale è fuggito in auto. Il trentenne, che vive a Miglierina con la compagna si era reso subito irreperibile: sarebbe stata la convivente a farlo desistere e a farsi trovare. I militari lo hanno infatti rintracciato poco dopo vicino casa.

Dopo un primo momento di reticenza, messo alle strette dai militari, ha riferito di essere stato lui a pugnalare Cesare Falvo, e su sue indicazioni è stata trovata anche l’arma del delitto, un grosso pugnale da sub, con lama di circa 20 centimetri, di cui l’uomo si era disfatto.

Sulla base delle dichiarazioni fornite, Arabia è stato sottoposto d’iniziativa a fermo di indiziato di delitto e condotto presso il carcere di Catanzaro a disposizione del pm di Catanzaro, Andrea Giuseppe Buzzelli che ha assunto la direzione delle indagini, sotto il coordinamento del procuratore della Repubblica Nicola Gratteri e dell’aggiunto Vincenzo Capomolla.

Resta da accertare il movente del delitto. Si parla di questioni personali, forse di natura passionale ma è ancora incerta la natura del litigio degenerato nell’omicidio. Entrambi erano già noti alle forze dell’ordine.

Intanto l’autovettura usata per la fuga e il coltello sono stati posti sotto sequestro per gli accertamenti tecnici del caso. In particolare il coltello sarà inviato al Ris per l’estrapolazione del Dna della vittima.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb